La Lombardia incentiva la sostituzione dei veicoli inquinanti da parte delle imprese

Il bando è già attivo. Le imprese potranno presentare la domanda di adesione fino al 30 settembre 2020.

Redazione MondoPMI
0
0
Bando Lombardia

La Regione Lombardia ha aderito alla lotta all’inquinamento atmosferico, attivando una serie di misure per la difesa della qualità dell’aria e della salute dei cittadini. Con questo fine, ha emesso un contributo a fondo perduto accessibile alle le micro, piccole e medie imprese del territorio, per incentivarle a sostituire i propri veicoli inquinanti con mezzi a basso impatto ambientale. Il bando Lombardia rientra nel tentativo di raggiungere i valori limite di particolato e di ossidi di azoto imposti dalla normativa nazionale e comunitria vigente. Inoltre, con le delibere approvate dalla Giunta Regionale nel 2019, sono stati stanziati per il prossimo anno 26,5 milioni di euro con l’obiettivo di ridurre ulteriormente le emissioni inquinanti in atmosfera.

CHI PUÒ BENEFICIARE DEL BANDO LOMBARDIA?

Possono presentare la domanda di adesione al bando le micro, piccole e medie imprese aventi sede operativa in Lombardia, che abbiano intenzione di:

  • radiare per demolizione un veicolo alimentato a benzina, fino a Euro 2 incluso, o diesel, fino a Euro 5 incluso;
  • oppure, radiare per esportazione all’estero un veicolo diesel Euro 3, Euro 4 o Euro 5;

e di acquistare un veicolo di categoria M1, M2, M3 oppure N1, N2, N3 in grado di garantire zero o bassissime emissioni inquinanti. Il nuovo veicolo può essere destinato al trasporto merci in conto proprio o in conto terzi, e l’acquisizione può avvenire anche attraverso la soluzione del leasing finanziario.

SPESE AMMESSE DAL BANDO

Le spese ammesse a contributo sono quelle previste per l’acquisto, anche nella forma del leasing finanziario, di veicoli di categoria N1, N2, N3, M1, M2 e M3, utilizzati anche per il trasporto in conto proprio o in conto terzi, in grado di garantire zero o bassissime emissioni inquinanti.

Le condizioni valide al fine di ottenere l’incentivo sono le seguenti:

  • l’azienda deve radiare per demolizione un veicolo con alimentazione a benzina fino a Euro 2 incluso, diesel fino a Euro 5 incluso, oppure radiare per esportazione all’estero di un autoveicolo diesel Euro 3, Euro 4 o Euro % (solo presso concessionario);
  • la concessionaria deve applicare sul nuovo veicolo acquistato dall’azienda, uno sconto di almeno il 12% sul prezzo di listino del modello base, al netto di eventuali allestimenti opzionali;
  • per i veicoli di categoria M1 ad alimentazione elettrica pura è previsto, oltre allo sconto del 12%, l’applicazione di un ulteriore sconto di importo pari ad almeno 2 mila euro (Iva inclusa).

Possono godere del contributo solo i veicoli nuovi di fabbrica, omologati dal costruttore, e immatricolati per la prima volta in Italia. Non sono ammissibili le spese per l’acquisto di veicoli già immatricolati, a “Km 0”.

Il contributo concesso dal bando Lombardia può avere forma variabile a seconda della categoria del veicolo acquistato, alla classe emissiva e al livello di emissioni inquinanti prodotte.

Sarà possibile presentare la domanda di adesione al bando Lombardia fino al 30 settembre 2020.

 

Vuoi restare aggiornato sugli ultimi bandi regionali indirizzati a PMI e liberi professionisti? Visita la sezione del nostro sito “Credito alle imprese”.