Le tipologie di Factoring (Parte 2)

Conosci già l'anticipo crediti futuri e l'acquisto a titolo definitivo?

Redazione MondoPMI
0
0
factoring

Abbiamo già introdotto qualche giorno fa una visione generale sulle diverse tipologie di Factoring a disposizione delle PMI, esplorando le modalità di finanziamento di ogni strumento e i vantaggi che ne derivano. Dopo aver analizzato le formule del Factoring Pro-solvendo, del Pro-soluto e dell’Indiretto scopriamo insieme l’Anticipo Crediti Futuri e l’Acquisto a titolo definitivo.

Nel primo caso, quello dell’Anticipo Crediti Futuri, il contratto tra le parti prevede la possibilità per l’impresa cedente di avere un finanziamento con l’anticipazione dei crediti futuri che sorgeranno da contratti già stipulati con i propri clienti. Il factor in questo caso eroga al cedente un anticipo tra il 10 ed il 20% sul valore imponibile del contratto/ordine.

Questa tipologia di finanziamento è comunque concessa come operatività collaterale alla consueta tecnica del factoring ordinario (Pro-soluto o Pro-solvendo). Il recupero dell’anticipazione su crediti futuri viene attraverso la trattenuta di quota parte delle anticipazioni richieste di volta in volta sull’operatività del factoring ordinario. Questo strumento si rivolge alle aziende che stipulano contratti con aziende più strutturate o con la Pubblica Amministrazione ed avranno il vantaggio di avere:

  • lo smobilizzo del credito commerciale, disponendo immediatamente del capitale
  • ottenere liquidità anche senza emissione della fattura da parte del cedente
  • miglioramento dell’afflusso della liquidità di cassa
  • ottimizzazione del flusso dei pagamenti e degli impieghi di brevissimo periodo
  • aumento della competitività nel mercato di riferimento

Il prezzo del servizio è determinato principalmente dal tasso sull’eventuale anticipazione del contratto richiesta dal cliente.

Nell’Acquisto a Titolo definitivo il factor garantisce alle aziende l’acquisto a titolo definitivo dei crediti. Inoltre, per quelle imprese che applichino già i principi contabili IAS/IFSR e che abbiano l’intenzione di mantenere predeterminati standard di rotazione dei crediti, di indici di qualità o di incidenza del capitale circolante sul totale dell’attivo, esiste la possibilità di cancellare dal bilancio i crediti ceduti. Con l’acquisto a titolo definitivo l’impresa trasferisce il rischio di credito ed il rischio di ritardato pagamento al factor. Questo strumento si adatta alle esigenze delle PMI fornitrici di altre aziende o della pubblica amministrazione per tutelarsi dal ritardo nei pagamenti da parte di questi soggetti. I vantaggi sono:

  • liquidità
  • rafforzamento del patrimonio
  • cessione del rischio di insolvenza
  • riduzione dei costi amministrativi dei crediti ceduti
  • cancellazione dei debiti da bilancio nel caso di acquisto definitivo IAS

Il costo di questo servizio è solitamente composto da una commissione di acquisto che tiene conto del tasso applicato sull’ammontare dei crediti ceduti per la loro durata prevista, di una commissione di gestione relativa al servicing svolto del factor e una commissione Pro-soluto sul servizio di garanzia dei crediti.

Image Credit: shutterstock