Nuovi finanziamenti alle imprese agricole siciliane

Redazione MondoPMI
0
0

Da qualche giorno nella Regione Sicilia è accessibile un bando volto a concedere finanziamenti alle imprese agricole siciliane per la formazione di scorte: per l’attuazione della norma è stato istituito dalla Cassa Regionale per il Credito alle Imprese Agricole Siciliane (CRIAS) un apposito fondo di rotazione, alimentato anche da proventi dell’attività di credito. Le risorse messe a disposizione per garantire finanziamenti alle imprese agricole siciliane ammontano a circa 12,6 milioni di euro: della dotazione totale, tuttavia, il 90%, corrispondente a circa 11,4 milioni di euro è destinato alle aziende agricole, singole o associate, di primaria produzione. Il restante 10%, pari a circa 1,2 milioni di euro, è invece riservato alle imprese agricole associate (cooperative agricole) attive nel settore della lavorazione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli: a valersi su quest’ultima parte di risorse vi sono inoltre quelle aziende, in forma singola o associata, che esercitano attività agrituristiche.

I tassi da applicare ai finanziamenti alle imprese agricole siciliane si differenziano a seconda della tipologia di impresa beneficiaria. Per i giovani agricoltori e le imprese di nuova costituzione verrà applicato un tasso pari al 30% del tasso di riferimento della Banca Centrale Europea maggiorato di un punto percentuale: alla cifra ottenuta verrà inoltre aggiunto un ulteriore 0,80% ai fini della ricostituzione del fondo di rotazione. Per le altre imprese invece verrà applicato un tasso pari al 40% del tasso di riferimento della BCE, con l’aggiunta dello stesso spread dell’1,80%.

banner-tianticipo

Anche l’ammontare degli importi compresi nel finanziamento varia a seconda della tipologia di impresa. Nonostante l’importo minimo sia per tutti di 5.000 euro, per le aziende – singole o associate – che si occupano di mera produzione primaria il massimo concedibile corrisponde a 30.000 euro, mentre per le altre è di molto superiore: infatti, per le cooperative che si occupano anche di lavorazione, trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli e per le aziende agricole, sia singole sia associate, che esercitano attività agrituristiche, l’importo massimo concesso ammonta a 300.000 euro.

Essendo che il criterio di assegnazione dei finanziamenti alle imprese agricole siciliane rispetta il regime “de minimis”, per importi superiori ai massimali previsti dal decreto, gli aiuti non potranno essere concessi nemmeno per la frazione che rientrerebbe nel limite massimo. Il finanziamento agevolato può coprire il 100% della spesa ammissibile, ma non è tuttavia cumulabile con il prestito di conduzione.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock