Prestiti alle imprese: come partecipare al Bando Microcredito

Redazione MondoPMI
0
0

Via libera al Bando del Ministero dello Sviluppo Economico che mette a disposizione 40 milioni di euro per le PMI che faticano ad accedere al credito.

Si tratta di prestiti alle imprese fino a 35mila euro da restituire nell’arco di 7-10 anni destinati alle seguenti categorie:

  • Lavoratori autonomi e professionisti (commercialisti, avvocati, medici, consulenti del lavoro, psicologi, giornalisti, architetti, ingegneri, ecc.) titolari di partita IVA da meno di cinque anni e con massimo 5 dipendenti;
  • Piccole Medie Imprese e Micro Imprese con partita IVA da meno di cinque anni e con massimo 5 dipendenti;
  • Società di persone, società a responsabilità limitata semplificata o società cooperative titolari di partita IVA da meno di cinque anni e con massimo 10 dipendenti.

A cosa serve il Microcredito

Il riferimento normativo è il decreto ministeriale 24 dicembre 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 3 febbraio 2015. Il bando per il Microcredito ha la finalità di finanziare lavoratori autonomi o microimprese che rientrano nelle “fasce deboli”, ossia non in condizione di rivolgersi al sistema creditizio tradizionale per assenza di garanzie.

L’iniziativa permette di ottenere un prestito base di 25mila euro, che può essere esteso fino a 35mila, prevedendo un’erogazione frazionata con le seguenti condizioni: pagare puntualmente le ultime 6 rate; attestare il raggiungimento dei risultati intermedi stabiliti dal contratto.

I contributi raccolti dal Fondo di Garanzia per le PMI saranno messi a disposizione dal Ministero dello Sviluppo Economico (30 milioni) e dal Movimento 5 Stelle (10 milioni).

I finanziamenti alle aziende non sono assistiti quindi da garanzie reali e possono essere rimborsati attraverso un piano di rate con cadenza trimestrare massima e con un tasso massimo che non può superare l’8,47%.

La concessione di finanziamenti è finalizzata a:
  • all’avvio di startup o allo sviluppo di un’attività di lavoro autonomo o di microimpresa;
  • all’acquisto di beni;
  • alla retribuzione di nuovi dipendenti o soci lavoratori;
  • al pagamento di corsi di formazione volti ad elevare la qualità professionale e le capacità tecniche e gestionali del lavoratore autonomo, dell’imprenditore e dei relativi dipendenti;
  • al pagamento di corsi di formazione anche di natura universitaria o post-universitaria volti ad agevolare l’inserimento nel mercato del lavoro delle persone fisiche beneficiare del finanziamento.

Come Partecipare

Per iscriversi e prenotare le risorse sarà fissato un click day all’inizio del mese di aprile sul sito fondidigaranzia.it. Alle attività idonee che presenteranno un progetto d’impresa coerente sarà fornito un voucher per riscuotere la somma presso un intermediario finanziario. Accanto al prestito saranno forniti servizi di accompagnamento e supporto alle aziende nell’utilizzo dello strumento finanziario per tutta la fase istruttoria e per tutta la durata della restituzione.

Per maggiori informazioni: Scheda Tecnica

[callto]CERCHI CREDITO PER LA TUA IMPRESA?[/callto]