Programma COSME: le PMI puntano al bando

Interessate le imprese dei settori del turismo e del tessile

Redazione MondoPMI
0
0

QUESTO è UN TITOLO lunghissimissimo DI UN BANNER ARTICOLO shortcode

questa è una DESCRIZIONE di qualcosa che non sto lì a spiegare a lungo per un banner articolo

SCOPRI

Le PMI pongono la propria attenzione sulle possibilità offerte dal programma COSME per i progetti relativi ai settori del tessile, della moda e del turismo. L’EASME, ovvero l’Agenzia Esecutiva per le Piccole e Medie Imprese dell’Unione Europea, rinnova l’invito in ambito del programma internazionale COSME. Il bando che scade il 19 ottobre permetterà alle PMI appartenenti al ramo dell’Industria Leggera di internazionalizzarsi.

Qual è l’obiettivo del bando contenuto all’interno del programma COSME?

L’obiettivo del bando è sostenere la creazione di reti internazionali per incubatori e acceleratori d’impresa. Si tratta per meglio spiegare, di potenziali investitori e di programmi di consulenza e servizi di assistenza legati alla fase di avvio. Tali programmi, come specifica la parola stessa rendono più agile la partenza della startup favorendone l’incontro con i finanziatori e combinandone i servizi con le risorse e le competenze per lanciare sul mercato la giovane impresa.

Chi sono i beneficiari del bando CONTENUTO ALL’INTERNO DEL PROGRAMMA COSME?

Il bando da 2,6milioni di euro è rivolto a soggetti privati e pubblici, appartenenti pure all’ambito del no-profit. I beneficiari dovranno formare un consorzio composto da almeno 4 soggetti di 3 paesi diversi.


QUESTO è UN TITOLO lunghissimissimo DI UN BANNER ARTICOLO shortcode

questa è una DESCRIZIONE di qualcosa che non sto lì a spiegare a lungo per un banner articolo

SCOPRI

Quali sono i sotto-obiettivi previsti per i due settori in questione?

Per quanto riguarda i due ambiti principali, vale a dire il settore tessile-moda e quello del turismo i propositi mirano a:

  • per il FashionTech: il fine è sostenere i progetti innovativi che si basano si prodotti e materiali, la vendita al dettaglio e il marketing.
  • per il Turismo: lo scopo dei progetti sarà quello di favorire l’innovazione in specifici rami (turismo culturale o d’affari) o l’intera filiera culturale creativa.

É prevista inoltre la concessione di contributi e relativi benefici fino ad un massimo previsto pari al 75% delle spese ammissibili.

Le imprese produttrici nell’ambito del tessile, dell’abbigliamento, delle calzature e di articoli in pelle troveranno quindi maggior sostegno per il miglioramento delle loro prestazioni. Relative soprattutto alle esportazioni, permesse sfruttando gli accordi di libero scambio.

Si tratta più nello specifico di un sostegno diretto alle PMI per consentire loro un accesso diretto sul mercato internazionale, generando condizioni di competitività e sostenibilità.

Il contratto previsto per i vincitori del bando avrà una durata di 24 mesi.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock