Regione Marche, bando a fondo perduto per le imprese commerciali

Finanziamenti per la riqualificazione e la valorizzazione degli esercizi

Redazione MondoPMI
0
0

QUESTO è UN TITOLO lunghissimissimo DI UN BANNER ARTICOLO shortcode

questa è una DESCRIZIONE di qualcosa che non sto lì a spiegare a lungo per un banner articolo

SCOPRI

Attivato dalla Regione Marche il bando a fondo perduto per le imprese commerciali.  L’intervento rivolto al settore delle attività di vendita prevede la concessione di un contributo senza vincolo di rimborso fino al 15% dell’investimento programmato. Il finanziamento ha come obiettivo il sostegno dei progetti imprenditoriali di riqualificazione e di valorizzazione degli esercizi in questione.

Come beneficiare del bando a fondo perduto?

Il finanziamento è rivolto alle PMI del settore commerciale che per accedere al bando devono dimostrare di possedere i seguenti requisiti:

  • Essere attive nella vendita al dettaglio o nella somministrazione al pubblico di alimenti o bevande.
  • Il volume di affari dell’esercizio commerciale non deve superare i 2milioni di euro.
  • Essere in possesso dell’autorizzazione amministrativa o SCIA per l’esercizio.

Tra coloro che possono beneficiare del bando a fondo perduto non fanno parte i rivenditori di carburante, le farmacie e le parafarmacie, le attività del commercio elettronico, le attività di vendita di merci prodotte in proprio e i distributori automatici.


QUESTO è UN TITOLO lunghissimissimo DI UN BANNER ARTICOLO shortcode

questa è una DESCRIZIONE di qualcosa che non sto lì a spiegare a lungo per un banner articolo

SCOPRI

Il finanziamento del bando a fondo perduto per quali progetti è previsto?

Il bando a fondo perduto è stato realizzato per le attività che prevedono interventi di ristrutturazione come quelli di manutenzione ordinaria, straordinaria o per l’ampliamento dei locali dedicati all’esercizio commerciale. Esclusi dalla possibilità di una ristrutturazione il deposito merci e gli uffici. Pure le attrezzature fisse e mobili risultano essere comprese, in quanto utili alla vendita di bevande e alimenti. Anche gli arredi, strettamente legati all’attività commerciale, rientrano all’interno delle spese ammesse dal finanziamento. Esclusi sono invece i complementi d’arredo.

Il finanziamento del bando a fondo perduto viene elargito fino al 15% della spesa che rispetta i requisiti sopra citati. Per meglio spiegare, gli interventi riconosciuti come finanziabili dovranno rientrare tra i 15mila e i 60mila euro al netto di IVA.

I progetti di valorizzazione e riqualificazione delle attività commerciali dovranno essere completati entro sei mesi dalla data di pubblicazione dell’elenco dei soggetti vincitori. Per conoscerli sarà sufficiente consultare il bollettino ufficiale regionale. La ristrutturazione dell’attività si considererà conclusa quando tutti gli arredi saranno stati installati e fatturati, le azioni di rinnovamento completate e le fatture saldate.

Quando termina il periodo per la partecipazione al bando a fondo perduto?

Il termine per la presentazione della domanda è fissato per mercoledì 4 ottobre 2017. Per accedervi o per ottenere informazioni più approfondite, potete trovare maggiori dettagli qui.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock