Regione Veneto: bando per le imprese culturali

Arte e spettacoli, la regione incentiva la cultura.

Laura Aglio
0
0
bando-imprese-culturali

La Regione Veneto, i cui sportelli sono già attivi dal primo luglio, ha pubblicato un nuovo bando per le imprese culturali del territorio. Saranno accolte le domande per progetti che prevedano almeno 20 mila Euro di spese ammissibili entro il 31 agosto 2016.

Incentivi A FONDO PERDUTO per NUOVE IMPRESE culturali, creative e dello spettacolo

Cosa finanzia: avvio, insediamento e sviluppo di imprese culturali, creative che producono e/o distribuiscono beni o servizi nell’ambito delle arti dello spettacolo, delle arti visive, del patrimonio culturale, dell’audiovisivo, dei video giochi, dei nuovi media, della musica e dell’editoria.

Beneficiari: micro e piccole imprese, indipendentemente dalla loro forma giuridica, e professionisti rientranti nei codici ATECO previsti dal bando (allegato A2 del bando) con i seguenti requisiti:

a) in caso di micro e piccole imprese e loro Consorzi, essere regolarmente iscritta al Registro delle Imprese da non più di dodici mesi alla data di apertura dei termini per la presentazione della domanda, non essere quotata, non avere ancora distribuito utili e non essere stata costituita a seguito di fusione. Ai fini dell’individuazione della data di iscrizione, farà fede la data risultante dalla visura camerale;

b) in caso di professionisti non costituiti in società regolarmente iscritte al Registro Imprese, essere iscritti agli ordini professionali oppure aderire alle associazioni professionali e la cui attività sia iniziata da non più di dodici mesi alla data di apertura dei termini per la presentazione della domanda.

c) persone fisiche  (c.d. “promotori d’impresa”) che intendano costituire una nuova impresa a condizione che, a pena di decadenza, entro 45 giorni dalla data di comunicazione dell’ammissione ai benefici, provvedano alla regolare iscrizione al Registro Imprese

Risorse: 1.500.000,00 euro

Tipo di agevolazione: fondo perduto, in misura pari al 70% della spesa rendicontata ritenuta ammissibile per la realizzazione del progetto. Il sostegno è concesso:

− nel limite massimo di euro 140.000,00 corrispondenti ad una spesa rendicontata e ammessa a sostegno pari o superiore a 20 mila Euro.

− nel limite minimo di euro 14.000,00 corrispondenti ad una spesa rendicontata e ammessa a sostegno pari a 20 mila Euro.

Non sono ammesse le domande di sostegno i cui progetti comportino spese ritenute ammissibili inferiori a 20 mila Euro (IVA esclusa).

Spese ammissibili: relative all’acquisto di beni materiali e immateriali e servizi rientranti nelle seguenti categorie:

a) acquisto di hardware, attrezzature e arredi nuovi di fabbrica anche relative al trasporto e installazione presso l’unità operativa in cui si realizza il progetto (non smartphone e tablet);

b) progettazione, direzione lavori e collaudo connesse alle opere di cui alle lettera e) nel limite massimo di 3.000,00 euro per il compenso del professionista;

c) spese notarili di costituzione della società o dell’associazione tra professionisti per la parte relativa al compenso del notaio (non tasse, imposte e spese anticipate);

d) acquisizione di servizi di consulenza o servizi equivalenti finalizzati al progetto imprenditoriale per massimo 10.000,00 euro;

e) opere edili, murarie e impiantistica (interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria di cui all’articolo 3, comma 1, lettere a) e b) del DPR n. 380 del 2001 esclusi gli interventi di ristrutturazione edilizia e di nuova costruzione; impianti elettrici, amplificazione, illuminazione, antintrusione, idrico-sanitari, di riscaldamento e climatizzazione, con esclusione dell’impianto fotovoltaico);

f) acquisto di programmi informatici nel limite massimo del 20% della sommatoria delle voci di spesa;

g) promozione dell’impresa per massimo 5.000,00 euro per le spese per lay-out, produzione e stampa di materiale informativo nonché per la realizzazione del sito web;

h) locazione o affitto di immobili;

i) garanzie fornite da una banca, da una società di assicurazione o da altri istituti finanziari, purché relative alla fideiussione di cui all’articolo 14.

Termini e modalità: dal 1 luglio 2016 fino al termine perentorio del 31 agosto 2016.

Link al bando completo 

Image Credit: shutterstock