Reverse factoring: cos’è e come funziona

In cosa consiste, come funziona e quali vantaggi ha il reverse factoring.

Redazione MondoPMI
0
0

Cosa si intende per reverse factoring e quali sono i suoi vantaggi?

Cos’è il reverse factoring

Il reverse factoring, o factoring indiretto, è un particolare contratto di factoring che permette di smobilizzare i crediti di fornitura.

Se nel “normale” factoring è il creditore a rivolgersi alla banca chiedendo l’anticipo sui crediti, nel reverse factoring è l’azienda debitrice che propone l’operazione di factoring. Il factor stipulerà una convenzione con tutti i fornitori coinvolti e potrà così anticipare i crediti di fornitura.

Il contratto di reverse factoring può essere concluso sia con la formula pro solvendo sia con la formula pro soluto. L’accordo con il factor può prevedere inoltre l’anticipo dei crediti oppure il loro accredito a scadenza. In quest’ultimo caso, mentre il fornitore incassa immediatamente il credito, l’azienda debitrice può approfittare della dilazione di pagamento offerta dal contratto.

Banca IFIS Impresa

 

Come funziona il reverse factoring e quali vantaggi ha

Il reverse factoring viene usato in particolare da enti pubblici e dalle medie e dalle grandi aziende con un notevole volume d’acquisto. Il factoring indiretto si concentra sulla gestione complessiva dei debiti di fornitura permettendo, da un lato, di anticipare i crediti e, dall’altro lato, di dilazionare i pagamenti. L’intervento del factor quindi offre vantaggi sia alle aziende fornitrici sia all’azienda debitrice.

Per i fornitori il contratto di reverse factoring è vantaggioso perché permette di:

  • cedere la gestione di parte dei crediti;
  • ottenere liquidità in tempi ridotti e a costi contenuti;
  • se il contratto lo prevede, beneficiare della garanzia della formula pro soluto.

Ma il reverse factoring offre vantaggi anche all’azienda debitrice:

  • cessione del processo di pagamento verso i fornitori;
  • semplificazione della gestione amministrativa dei rapporti con i fornitori;
  • possibilità di supportare finanziariamente i fornitori strategici, assicurando loro un flusso di pagamenti costante e sicuro;
  • se il contratto con il factor lo prevede, possibilità di dilazionare in tutto o in parte i pagamenti.
Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock