Ricerca, sviluppo e innovazione: incentivi alle imprese friulane

Due bandi per sostenere gli investimenti nell’industria 4.0

Redazione MondoPMI
0
0

QUESTO è UN TITOLO lunghissimissimo DI UN BANNER ARTICOLO shortcode

questa è una DESCRIZIONE di qualcosa che non sto lì a spiegare a lungo per un banner articolo

SCOPRI

Pubblicati due bandi dalla Regione Friuli Venezia Giulia per le aziende che investono in ricerca e sviluppo e in innovazione. Valendosi sul POR FESR 2014-2020, la Regione ha stabilito la concessione di incentivi alle imprese friulane allo scopo di sostenere le stesse nelle attività di ricerca e sviluppo tecnologico. Gli investimenti nell’industria 4.0 assumono sempre più rilevanza per la crescita delle aziende: i contributi da parte dello Stato determinano una grossa spinta per le imprese che vogliono acquisire nuovi strumenti per innovare i propri prodotti o processi.

Più specificatamente, il primo bando riguarda la ricerca, lo sviluppo tecnologico sperimentale e l’innovazione; il secondo invece si riferisce all’acquisto di servizi di innovazione.

Bando per ricerca e sviluppo

Il primo bando è volto a concedere incentivi alle imprese friulane che vogliono effettuare investimenti in ricerca e sviluppo tecnologico al fine di far progredire la propria attività e in generale il tessuto economico territoriale.
I destinatari del bando sono tutte le imprese, siano esse di piccola, media o grande dimensione, e gli enti di ricerca, comprese le Università.
Requisito necessario per la candidatura al bando è la collaborazione di almeno due soggetti indipendenti, presentati sotto forma di ATS (Associazione Temporanea di Scopo): questa associazione deve essere costituita da un’impresa e da un ente o Università e deve essere creata prima della presentazione della domanda o entro 60 giorni da questa.


QUESTO è UN TITOLO lunghissimissimo DI UN BANNER ARTICOLO shortcode

questa è una DESCRIZIONE di qualcosa che non sto lì a spiegare a lungo per un banner articolo

SCOPRI

Inoltre, ogni singolo soggetto, parte di un ATS e partecipante al bando, non potrà sostenere autonomamente le spese del progetto in misura superiore al 70% o inferiore al 10% della somma complessiva.
Sono finanziabili spese in ricerca e sviluppo sperimentale coerenti con le aree Smart Health e Tecnologie Marittime: in base alla tipologia del progetto, saranno comunque coperte somme tra i 250 mila e 1,2 milioni di euro. I finanziamenti, per entrambi i bandi a fondo perduto, varieranno a seconda della dimensione dell’impresa e della finalità del progetto:

  • Micro e piccole imprese: Ricerca 75% e Sviluppo 55%
  • Medie imprese: Ricerca 70% e Sviluppo 45%
  • Grandi imprese: Ricerca 60% e Sviluppo 35%
  • Università o enti di ricerca: Ricerca 80% e Sviluppo 80%

Le domande potranno essere presentate in via telematica dal 9 ottobre al 10 novembre 2017.

Bando per acquisto di servizi innovativi

Il secondo bando è invece finalizzato all’acquisto di uno o più servizi di innovazione. Sono ammissibili spese relative a:

  • Ottenimento, convalida e difesa di brevetti;
  • Acquisizione di servizi di consulenza, assistenza e formazione in materia di innovazione;
  • Acquisizione di sostegno a servizi di innovazione, come ricerche di mercato, laboratori, studi e test.

I destinatari per questo bando sono le micro, piccole e medie imprese iscritte nel Registro delle Imprese, avente sede in Friuli Venezia Giulia e non in stato di fallimento o liquidazione.
Gli incentivi alle imprese friulane potranno coprire al massimo il 50% della spesa totale, che deve essere compresa tra i 5.000 e i 20.000 euro. Le imprese beneficiare dei contributi avranno 12 mesi per dimostrare il corretto svolgimento e conclusione del progetto.
I soggetti che vorranno partecipare a questo bando potranno presentare domanda dalle ore 9.30 del 20 settembre 2017 alle ore 12.00 del 20 novembre 2017.

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock