Sostegni alle aziende agricole piemontesi

3 milioni di euro per ridurre gas serra e ammoniaca in atmosfera

Redazione MondoPMI
0
0

Stanziati fondi per 3 milioni di euro per il nuovo bando del Programma di Sviluppo Rurale del Piemonte: è infatti stato stabilito di offrire sostegni alle aziende agricole piemontesi per la realizzazione di progetti volti alla riduzione di gas serra e ammoniaca nell’atmosfera.
La finalità del bando consiste sostanzialmente nel miglioramento delle prestazioni economiche ed ambientali in un’ottica il più possibile sostenibile: le risorse messe a disposizione dalla Regione sono infatti volte all’intervento da parte delle imprese sulle strutture e sui processi aziendali per conseguire una riduzione di emissioni e un risparmio dei consumi.
Potranno richiedere un sostegno finanziario tutti gli imprenditori agricoli professionali, in forma singola o associata, o i giovani agricoltori, facenti già parte di un’azienda agricola o insediati per la prima volta in qualità di capi.
I sostegni alle aziende agricole piemontesi verranno concessi a fronte di un’ottimizzazione delle strutture di allevamento degli animali, di stoccaggio degli effluenti zootecnici e dei digestati; saranno considerate ammissibili inoltre spese per l’acquisto di attrezzature, impianti e macchinari per la gestione degli effluenti e digestati e la loro distribuzione in campo per l’utilizzo agronomico, al fine di ridurre le emissioni di gas serra e ammoniaca nell’atmosfera. Sono poi inclusi nelle attività finanziabili, gli interventi che permettano di conseguire risparmi nel consumo di acqua ad uso zootecnico, poiché anche questi permettono di limitare le emissioni azotate nell’atmosfera.

TiAnticipo_Chaplin_banner_728x90

Gli importi spesi per migliorare le prestazioni ambientali devono essere compresi tra i 30.000 e i 100.000 euro nel caso in cui si tratti di investimenti collettivi ad uso comune e tra i 10.000 e u 50.000 euro per tutti gli altri investimenti.
Il Programma di Sviluppo Rurale prevede un’aliquota di sostegno del 40% dell’investimento effettuato, che può essere tuttavia maggiorata per i seguenti soggetti:

  • +10% nel caso di investimenti collettivi per uso comune;
  • +10% nel caso di investimenti effettuati da giovani agricoltori;
  • +10% nel caso di investimenti attuati in zona montana;
  • +5% nel caso di investimenti effettuati da soggetti che aderiscono anche a misure agro-climatico-ambientali.

Le richieste dei sostegni alle aziende agricole piemontesi andranno effettuate tramite la procedura disponibile su SistemaPiemonte entro e non oltre il 31 gennaio 2018.

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<