Terre agricole a sostegno dei giovani imprenditori

La Banca nazionale delle terre agricole mette in vendita 8mila ettari di terra in Italia

Redazione MondoPMI
0
0

La Banca nazionale delle terre agricole ha aperto le procedure per la messa in vendita di ottomila ettari di terra in Italia messa a disposizione dal Ministero delle Politiche Agricole, parte di un’operazione complessiva che riguarda oltre ventimila ettari e che vuole sostenere i giovani imprenditori agricoli.

La Banca è online e gestita da Ismea e negli ultimi mesi ha totalizzato più di 137mila visualizzazioni e 16mila utenti registrati, un interesse che evidenzia la grande attenzione che ha destato questa iniziativa. Il progetto è pensato per favorire chi cerca terre pubbliche da riconvertire nell’agricoltura, con attenzione particolare per i giovani imprenditori agricoli.

Il primo passo per un’operazione complessiva che prevederà la vendita di oltre 20mila ettari di terre agricole e il cui avvio è stato dato dal ministro Maurizio Martina durante la presentazione a Roma dell’iniziativa.

Martina durante il suo discorso ha sottolineato l’importanza del progetto nello sviluppo di nuove realtà agricole nel territorio Italiano. Le entrate, infatti, che arriveranno dalla vendita delle porzioni di terra verranno interamente dedicate al sostegno dei giovani agricoltori.

TiAnticipo_Chaplin_banner_728x90

Terre agricole: la situazione in Italia

In Italia si contano più di ottomila ettari di terre agricole, al primo posto la Sicilia che è la Regione italiana più agricola con quasi 2.000 ettari di terreno. La Sicilia è poi seguita da Toscana e Basilicata (1300 ettari), Puglia (1200 ettari), Sardegna (600 ettari), Emilia Romagna e Lazio (quasi 500 ettari).

Le colture interessate dall’iniziativa sono diverse: 3770 ettari dedicati al seminativo, 1930 per pascoli e prati,  800 ettari di boschi, 450 per la coltivazione di uliveti e 340 dedicati ai vigneti.

Trovare il terreno giusto sarà molto facile grazie alla geolocalizzazione delle terre presenti nel sito che potranno essere quindi ricercate per Regione. Il sito di Ismea, inoltre, contiene tutte le informazioni utili all’utente, come la posizione, le caratteristiche naturali delle terre le tipologie di coltivazioni e i valori catastali.

La procedura per partecipare all’iniziativa rimarrà attiva fino a febbraio, periodo durante il quale sarà possibile manifestare l’interesse per i lotti scelti sul sito della Banca della Terra.
In seguito, da febbraio partirà la procedura competitiva a evidenza pubblica tra coloro che hanno manifestato interesse.

Si segnalano infine condizioni più favorevoli per gli under 40 per l’accesso a mutui e condizioni.

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock