Digital divide e crescita 2.0: le novità promosse dal Governo per la Piccola Media Impresa

Redazione MondoPMI
0
0

Sono diverse le novità a favore delle Piccole Medie Imprese contenute nel decreto Crescita 2.0, convertito ufficialmente in legge lo scorso 13 dicembre dalla Camera dei Deputati. I provvedimenti interesseranno da vicino molti aspetti della vita economica delle aziende con l’obiettivo di ridurre il cosiddetto “digital divide”, ovvero la distanza tra l’accesso all’innovazione ed alle nuove tecnologie del tessuto industriale nazionale nei confronti dei competitor internazionali.

Di seguito le indicazioni più significative riguardo le imprese:

  • POS – tutte le attività commerciali autorizzate a vendere prodotti o servizi, private e pubbliche, dovranno dotarsi degli strumenti elettronici di pagamento;
  • credito d’imposta per il digitale – verranno attivate per gli anni 2013, 2014 e 2015 agevolazioni per un massimo di 5 milioni di euro annui, attraverso un credito d’imposta del 25% delle spese sostenute verso le Piccole Medie Imprese impegnate nello sviluppo di servizi di distribuzione di prodotti digitali;
  • PEC – le imprese individuali non soggette a procedure concorsuali dovranno depositare il proprio indirizzo di posta elettronica certificata, presso l’ufficio del registro delle imprese, entro il 30 giugno 2013. Inoltre, l’accesso all’Indice nazionale degli indirizzi di posta elettronica certificata (Ini-Pec) delle imprese e dei professionisti sarà garantito a tutti gli interessati, senza alcuna necessità di autenticazione.