Il potere delle recensioni nell’e-commerce

L’importanza della riprova sociale nell’era dello shopping online.

Redazione MondoPMI
0
0
recensioni-ecommerce

Il commercio elettronico in Italia è in lenta ascesa in tutti i settori merceologici, la digitalizzazione delle PMI per penetrare questo mercato è un processo già in atto da tempo, ma alcuni ostacoli ritardano il suo consolidamento. Tra i questi c’è il timore degli acquirenti di incorrere in truffe e disservizi, come consegne in ritardo e merce difettosa. Ciò li spinge spesso a rinunciare agli acquisti online in favore dei negozi fisici dove il contatto umano è rassicurante, oppure a dirottare la spesa verso i marketplace più famosi a discapito dei commercianti più piccoli e meno noti.

Analizzando nel dettaglio le statistiche di Nielsen e Censis relative agli italiani che hanno accesso a internet si evince che il 77% naviga online per confrontare i prezzi, l’81% cerca informazioni specifiche sui prodotti, il 66% cerca sul web ma poi compra in negozio e ben il 60% legge le recensioni e opinioni degli altri prima di acquistare. Internet si conferma quindi uno strumento sempre più determinante nel processo d’acquisto, ma questo impatto non si ripercuote ancora direttamente sulle vendite online.

Il 63,5% degli italiani, infatti, è preoccupato per le truffe in cui potrebbe incorrere e, di conseguenza, ben il 24,4% rinuncia completamente agli acquisti su internet a causa di questo timore. I dati dimostrano senza dubbio quanto sia indispensabile l’opinione degli altri per essere rassicurati prima di un acquisto online.

In questo scenario si inserisce ShoppingVerify, la cui missione è abbattere la barriera di diffidenza dei compratori verso i venditori meno noti. Per farlo utilizza un mezzo antico e allo stesso tempo al passo con i tempi: la riprova sociale.

ShoppingVerify, che ha realizzato l’infografica per mostrare la situazione dell’e-commerce in Italia, permette di recensire i negozi online di tutti i settori, dando la possibilità ai venditori stessi di rispondere ai commenti ricevuti, monitorare la propria reputazione online e trarre spunto dai suggerimenti per migliorare i propri servizi. A differenza di molte iniziative simili, il progetto è no profit e a gestirlo è la Casa del Consumatore, un’associazione nazionale di consumatori che non ha rapporti commerciali con le aziende e quindi non ne promuove le vendite.

Mai come oggi è stato così importante condividere le proprie esperienze e su ShoppingVerify il contributo di tutti può davvero fare la differenza.

 

Infografica-ecommerce-ShoppingVerify