Innovazione digitale, un’opportunità per le imprese

Redazione MondoPMI
0
0

L’innovazione digitale e l’utilizzo delle nuove tecnologie dovrebbero essere ormai realtà quotidiana per tutte le imprese, ma così, purtroppo, non è. La ripresa della nostra economia e l’aumento della competitività delle nostre imprese dovrebbero far leva proprio dalla digitalizzazione per invertire la rotta degli ultimi anni. Secondo le previsioni, nel corso del 2015 il Pil del Veneto dovrebbe crescere del +1,1% per poi aumentare ulteriormente nel biennio 2016-2016 ad un tasso di crescita media del +1,8%. Tali dati sono in linea con il resto del Nordest, leggermente inferiore al Pil della Lombardia che dove crescere del1,3%, secondo i quanto stimato dal Centro Studi Unioncamere.

Il rapporto mette in evidenza che saranno principalmente le esportazioni a trainare lo sviluppo: in Veneto la voce export dovrebbe far registrare un +5,4%, dato agevolato dalla debolezza dell’Euro nell’ultimo periodo e dai tassi di interesse in diminuzione. I consumi delle famiglie sono previsti in crescita del +1,7% , pure gli investimenti privati dovrebbero crescere (+1,2%) e la spesa pubblica regionale prevista diminuirà dello 0,7%. Questi dati positivi fanno ben sperare per il prossimo futuro della Regione anche se sono presenti alcuni elementi di criticità.

La digitalizzazione in Veneto non è sviluppata come dovrebbe: i cittadini sono al decimo posto tra le regioni italiane, mentre le imprese si piazzano solo all’ottavo. La pubblica amministrazione, invece, ha una posizione migliore essendo al sesto posto. Purtroppo attualmente molte imprese non vedono nelle nuove tecnologie quello strumento che le potrebbe aiutare a crescere: ben il 40% degli imprenditori veneti non valuta utile l’aiuto di internet e dei social network.

In Italia il social networking viene utilizzato soltanto dal 26,5% degli imprenditori. In Veneto la situazione è leggermente migliore però i dati ci dicono che c’è ancora molto da lavorare sotto questo punto di vista. I dati sull’utilizzo di internet sono buoni (98,5% del totale), la quasi totalità sono anche connessi alla banda larga (95%). I numeri iniziano a diminuire se andiamo più in profondità: circa il 74% possiede un sito internet, ma il 34,2% degli addetti è connesso ad internet una volta a settimana. Le imprese che fanno acquisti online sono il 39,3% ma vendono online soltanto il 7,8% delle imprese.

Nel 2014 le imprese neonate con a capo un imprenditore con età inferiore ai 35 anni nel 57,2% dei casi sono partite con un sito web, mentre nel 55,9% avevano una pagina Facebook.

Internet non deve essere visto come una perdita di tempo, anzi, è molto importante che il tessuto imprenditoriale capisca che l’innovazione digitale rappresenta un’opportunità importante da cogliere.