Kristalia: design e innovazione “Made in Italy”

Studio Baldassi
0
0

Per la rubrica FuturoPMI oggi presentiamo il caso di Kristalia, una Piccola Media Impresa capace di esportare il Made in Italy nel mondo, focalizzandosi su un target giovane ed innovativo. Kristalia propone una collezione di prodotti di design, dai tavoli ai complementi d’arredo e luci, proposti seconda una linea semplice ma al contempo studiata per soddisfare le esigenze sia delle famiglie che di clienti business.

La particolarità di questa impresa è la lungimiranza nella capacità di raggiungere le esigenze del proprio target, anche attraverso una comunicazione digitale curata, orientata alla condivisione dei prodotti ed all’uso dei Social Network. A tal proposito abbiamo intervistato Manuel Da Ros, Responsabile Web Marketing dell’azienda.

Dagli anni ’90 avete deciso di focalizzarvi su un target giovane e innovativo. Perchè questa scelta?

Fin dall’inizio Kristalia ha prestato particolare attenzione ai progetti innovativi, mediante la sperimentazione e la ricerca di sempre nuove soluzioni tecniche, utilizzando materiali mutuati dai settori della moda e dello sport.

Nell’autunno 1995 Kristalia ha presentato il suo primo catalogo alla rete commerciale e la produzione corrispondendo immediatamente alle esigenze di un pubblico orientato all’arredamento contemporaneo ma che non rinuncia a dettagli e sapori rassicuranti legati alla tradizione.

Ma è solo a partire dalla fine degli anni ’90, con la creazione di un assetto societario definitivo, che è nata la volontà di iniziare un percorso diverso. Volevamo rivolgerci ad un consumatore particolarmente attento alle caratteristiche estetiche e qualitative legate all’innovazione del design Italiano ed internazionale. Con molta probabilità, se non ci fosse stata la sterzata della fine degli anni 90, Kristalia oggi non esisterebbe più.

Kristalia

Per seguire le tendenze del vostro target di riferimento avete evoluto la comunicazione in ambito digitale. Quali sono stati i maggiori benefici che avete ottenuto?

i benefici sono stati molteplici:

  • Velocità e flessibilità: abbiamo potuto sfruttare al meglio il nostro reparto marketing interno che può elaborare in velocità e libertà la promozione dei nuovi prodotti
  • Sfruttare al massimo il budget: abbiamo un budget marketing relativamente piccolo e lo possiamo sfruttare al meglio per solo attività solo on
  • Riconoscibilità: i clienti o prospect molte volte ci riconoscono per i video o per le foto realizzate
  • Dialogo: dialogo con i clienti quindi un avvicinamento a loro. Kristalia non è una multinazionale ma è un’azienda di persone che vuole porsi sullo stesso piano dei clienti
  • Vantaggio competitivo: un vantaggio competitivo per essere i primi ad intraprendere certe strade
  • Monitoraggio: monitoriamo ogni singolo investimento valutando di mese in mese se è proficuo
  • Conoscenza: conosciamo il nostro cliente tipo molto meglio capendo i suoi movimenti ed interessi on line

Il vostro sito è ottimizzato per dare maggior risalto ai social, soprattutto per quelli che presentano contenuti multimediali come foto e video. Dalle vostre esperienza, è possibile ottenere nuovi clienti attraverso tali strumenti (lead generation) o è solo una forma di promozione dei vostri prodotti?

Per noi la fotografia oppure i video nei social sono prima di tutto una forma di informazione nei confronti della forza vendita e dei clienti già acquisiti; ma per fortuna non è solo così. Ci troviamo prospect che si presentano in fiera dicendo: “Sono venuto a vedere la sedia che avete promosso in quel blog”.

La scelta di utilizzare il tema dell’ironia è voluta per creare un volano, per poter cercare di sfruttare la viralità dei mezzi sociali. E’ importante diventare anche appetibili per blog e portali verticali al fine che ripubblichino e promuovano i nostri articoli e contenuti.

Kristalia

Fin dall’inizio della vostra attività avete puntato molto sul “Made in Italy”. Nonostante la crisi, è un “marchio” che funziona ancora nel mondo sempre più globalizzato?

E’ stata una scelta aziendale quella di avere quasi la totalità dei fornitori italiani e raggiungibili in giornata. Così facendo i nostri tecnici posso seguire i fornitori ed intervenire tempestivamente. Suggerisco a tutti di farsi un giro in qualche rinomata fiera del design per paragonare i prodotti italiani con prodotti che vengono ad esempio da certi paesi asiatici o dell’est europa.

Ultima domanda: che consiglio si sente di dare agli imprenditori/professionisti in difficoltà a causa della crisi?

Crediamo che chi è in difficoltà oggi lo sia perché ha fatto delle scelte sbagliate in passato. Crediamo nella favola della formica e della cicala. L’unico consiglio che ci sentiamo di dare è quello di farsi aiutare, che alzare la mano non è un senso d’inefficienza ma anzi di consapevolezza. Riteniamo giusto farsi circondare da professionisti capaci e diligenti.