La fatturazione elettronica presto estesa alle aziende

Redazione MondoPMI
0
0

La fatturazione elettronica, attualmente obbligatoria nei rapporti con la Pubblica Amministrazione, sarà presto allargata ai rapporti B2B. Sarà una vera e propria rivoluzione positiva che porterà a stravolgere e semplificare la vita di coloro che si occupano di controllo di gestione. Per coloro che si dimostreranno particolarmente virtuosi aumenterà anche la possibilità di accesso al credito. Questa innovazione sarà operativa entro l’anno e cambierà la vita sia di coloro che gestiscono l’azienda, ma anche dei professionisti, commercialisti in testa. Domani, venerdì 3 luglio, è in programma al Molo 103 di Venezia un convegno che parla proprio di questo argomento dal titolo:”Fattura elettronica: dalla Pubblica Amministrazione al B2B. Un percorso dove il controllo di gestione fa la differenza. Aspetti tecnici e di compliance, esperienze e case history, incentivi ed opportunità per la tua azienda”.

La necessità di passare alla fatturazione elettronica anche per i rapporti tra aziende è stata una richiesta delle stesse che nell’ultimo periodo hanno beneficiato dei vantaggi connessi con l’uso di questo strumento nei confronti della P.A.

In questi 3 mesi dall’entrata in vigore dell’obbligo di presentare fattura elettronica nei confronti della P.A. sono state emesse 7,7 milioni di fatture, sono stimate 50 milioni di fatture nell’arco di un anno. Per quanto riguarda i benefici sono stati calcolati risparmi che vanno dai 6 agli 8,5 euro per fattura elettronica emessa. I risparmi possono toccare anche cifre che vanno dai 25-65 euro nel caso di digitalizzazione di tutto il cliclo che va dall’ordine fino al pagamento.

Per quanto riguarda le banche, attualmente solo quelle più importanti sono pronte a gestire questi cambiamenti. Indirizzare questo tipo di flussi è sicuramente un grande guadagno per chi riesce a intercettarli, per questo le banche che sono preparate incentiveranno al massimo questo strumento.

Per le banche le aziende che utilizzano la fatturazione elettronica hanno un rating più alto in quanto semplifica il controllo di gestione e per gli istituti bancari il rischio è minore, così accedere al credito sarà più semplice per coloro che scelgono di puntare su questo strumento.

Anche per i commercialisti cambiano le prospettive, in quanto saranno meno necessari i servizi contabili, mentre dovranno affiancare maggiormente le aziende nel miglioramento del controllo gestionale: il loro ruolo sarà quindi più orientato alla consulenza.

Image credit: Shutterstock