La mia azienda deve avere una strategia di branding, anche se è una PMI?

La marca è anche quella strategia che va incontro alle imprese che, non avendo altre possibilità economiche per impegnarsi sulla pubblicità, attraverso il brand hanno la possibilità di costruire un loro posizionamento.

Redazione MondoPMI
0
0
Strategia di branding

Partiamo dall’analisi dei fatti: in Italia, il 92% delle imprese attive sono PMI. In questa sede, per lo scopo della nostra analisi e per l’approfondimento che vogliamo affrontare, non entriamo nel dettaglio delle diverse tipologie merceologiche. Ci fermiamo all’evidenza: la quasi totalità delle imprese italiane è sconosciuta perché non opera sul mercato di massa. Di conseguenza, la maggior parte delle imprese ha una strategia focalizzata esclusivamente sul prodotto e adotta un approccio prettamente commerciale. In questi scenari, la marca viene considerata un bene intangibile, una preoccupazione che solo le “grandi imprese” dovrebbero avere.

A COSA SERVE UNA STRATEGIA DI BRANDING?

Il branding consente di sviluppare una strategia di business efficace a prescindere dalle dimensioni, dal numero dei dipendenti e dal genere dell’offerta che l’azienda sviluppa nel mercato. Avere una solida e consolidata strategia di branding (quindi essere brand-oriented) permette alle piccole aziende, anche con un budget per la comunicazione limitato, di investire su un metodo efficace ed efficiente per comunicare e farsi conoscere, senza allocare un’altissima percentuale di investimento.

Banca IFIS Impresa

 

Il panorama aziendale odierno vede la presenza di un numero sempre maggiore di aziende che ha un know how e un bagaglio di esperienze ormai consolidato, sono aziende nate e fondate dalle generazioni precedenti. I nuovi dirigenti, sentono e sono spinti dalla necessità di capitalizzare questa loro esperienza nel settore di appartenenza. Ecco allora che entra in gioco la carta del brand: lo sviluppo di una strategia che mette al centro la consapevolezza e necessità di un’azienda di farsi conoscere nel mercato, creare e soprattutto mantenere un vantaggio competitivo.

NON CONFONDERE IL BRANDING CON LA COMUNICAZIONE

Attenzione, gli errori e i passi falsi sono dietro l’angolo:comunicare non vuol dire fare branding. Comunicare i propri prodotti e sviluppare una strategia di comunicazione attorno a qualità e innovazione di quest’ultimi, porterà le imprese a navigare nel mercato in balia dei venti forti (gli altri competitor) che li faranno naufragare in tempi veloci. Puntare sulla comunicazione di un prodotto, senza avere alle spalle una strategia di brand consolidata e ben strutturata, rende la vita facile ai competitor: sarà più facile copiare il prodotto e talvolta apportarne delle migliorie.

La maggior parte degli imprenditori però non comprende queste esigenze: sono sempre più propensi ad investire sul dipartimento di ricerca e sviluppo per la proposta di novità merceologiche, creando così un circolo vizioso; le aziende non riusciranno ad ottenere continuità nel capitalizzare il proprio know how.

Le imprese che investono e studiano una strategia di branding sono meno esposte ai repentini attacchi sul mercato e quindi anche meno obbligate alle innovazioni di prodotto. Investire sul branding significa anche non dover investire su continue ricerche di prodotto e di innovazione. Le innovazioni perdono valore nel tempo, il brand no.

Parlando di investimenti economici, la marca è anche quella strategia che va incontro alle imprese che, non avendo altre possibilità economiche per impegnarsi sulla pubblicità, attraverso il brand hanno la possibilità di costruire un loro posizionamento e consentire la capitalizzazione di anni di studio, esperienza e competenze nel settore e territorio.

In conclusione, gli errori tipici in cui ogni imprenditore di una PMI incorre e che deve imparare ad evitare sono:

  • basare la propria strategia di business solo sul prodotto
  • non accorgersi che la concorrenza cresce di continuo
  • credere di essere il migliore sul mercato
  • non considerare che la possibilità di essere imitati aumenta sempre di più
  • non vedere oltre il breve periodo.

Inizia a studiare e capire quali sono i primi passi da affrontare per la costruzione della marca di un’azienda, approfondisci questo articolo e comincia a definire il posizionamento della tua azienda!

 

Vuoi sapere come gestire il tuo brand? Scoprilo nel nostro articolo sul brand identikit!