La Stampa 3D del metallo diventa accessibile alle PMI

Redazione MondoPMI
0
0

Negli ultimi due anni la stampa 3D ha fatto passi da gigante diventando parte integrante di processi industriali e strumento sempre più accessibile a tante Piccole Medie Imprese, artigiani e appassionati.

Tra le diverse tipologie di stampanti 3D quella del metallo è sempre stata una delle più costose.

Oggi le tecnologie utilizzate per stampare i metalli sono tre:

  • il fascio di elettroni;
  • il getto di inchiostro (inkjet);
  • il laser: Selective Laser Sintering (SLS).

Quest’ultima permette, mediante laser, di unire e modellare insieme la polvere di metallo per formare gli oggetti, procedendo per strati. E’ una tecnica molto precisa ma anche molto costosa: dai 100 mila fino al milione di dollari.

Direttamente dalla California arriva però un nuovo metodo per rendere la stampa 3D del metallo più semplice e meno costosa, sviluppato dal Dr. Behrokh Khoshnevis e dal suo team presso l’Università della California del Sud.

Si tratta della “Selective Inhibition Sintering” (SIS), che utilizza la fusione delle polveri di metallo attraverso un apposito forno per realizzare la forma. Si basa sul processo inverso alla SLS, puntando a ritardare la sinterizzazione di alcune zone.

Le parti esterne alla forma finale che non si vogliono sinterizzare, vengono infatti trattate con un apposito agente anti-sintering. In questo modo il costoso laser viene sostituito con una commerciale testina per la distribuzione della soluzione chimica nelle zone esterne all’area da sinterizzare.

La nuova stampante 3D del metallo garantirà una serie di vantaggi:

  • un costo sostenibile per persone e imprese: meno di 5.000 euro a stampante;
  • processo di stampa più veloce;
  • sarà possibile utilizzare polveri non trattate;
  • la macchina sarà venduta già all’interno di un supporto.

La tecnica è ancora in fase di sperimentazione per migliorare precisione e accuratezza ma la strada è quella giusta. Una volta commercializzato il macchinario l’industria metallurgica e meccanica potranno beneficiare di questa scoperta con ottime ripercussioni sull’innovazione del settore e del comparto medicale.

Per approfondire: 3dprint.com

[callto]CERCHI CREDITO PER LA TUA IMPRESA?[/callto]