Le tendenze del digital marketing per il 2020

La creazione di contenuti interattivi da parte delle aziende, incentiva la partecipazione dal basso, e porta allo sviluppo di comunità virtuali.

Redazione MondoPMI
0
0
Tendenze digital marketing 2020

Il 2020 è ormai arrivato e con lui tantissime novità dal mondo del marketing: questa è l’era del Marketing Digitale e del Marketing Omnicanale, ricca di opportunità e di tendenze da tenere sott’occhio.

Marketing dei contenuti e marketing esperienziale

Che il marketing debba offrire contenuti nuovi, originali, intrattenenti e di ispirazione, è assodato; basti vedere come le imprese puntano sempre di più sui blog, le newsletter e i podcast per capire che il contenuto è davvero sovrano in questo settore.

Ma ora è necessario portare il content marketing a un livello evolutivo più alto, quello del marketing esperienziale.

Banca Ifis

 

L’utente, il potenziale consumatore, deve sentirsi personalmente coinvolto nella customer journey, non deve essere un mero target da colpire, ma un individuo sempre più consapevole, informato e desideroso di sentirsi parte di una vera community.

Il consumatore vuole poter condividere i valori del brand, esprimere sé stesso e la propria personalità, sapere che la sua opinione conta; è al contempo produttore di contenuti e di esperienze, e per tale ragione vuole influenzare e non solo farsi influenzare.

Interattività, la chiave per la creazione di una community UGC

Il 91% degli utenti online vuole essere “player”, non “watcher”. Significa, cioè, che quasi la totalità degli utenti prosumer vuole interagire con il brand.

La creazione di contenuti interattivi da parte delle aziende, incentiva la partecipazione dal basso, e porta allo sviluppo di comunità virtuali che, in maniera autonoma e indipendente, parlano del brand. Meglio ancora, lo utilizzano per sviluppare user generated content, ossia contenuti creati direttamente dagli utenti: forum in cui si discute su come abbinare le scarpe di tendenza, tutorial in cui si consigliano determinati prodotti e servizi provati dall’utente stesso, veri e propri sondaggi sulle stories di Instagram dove si chiede di votare tra le due alternative proposte.

Il bisogno di condividere le proprie opinioni ed esperienze fornisce alle imprese un feedback attendibile e veritiero, impossibile da replicare con qualsiasi analisi di mercato.

Video e micro influencer: il bisogno di autenticità

La produzione di video e clip che vanno dai pochi secondi ai pochi minuti, sta letteralmente influenzando il modo di rapportarsi ai social: forse per il loro carattere spensierato e spontaneo, forse perché percepiti come meno artefatti.

TikTok la fa da padrone, mentre le stories di Instagram aumentano di popolarità.

Le aziende non si fanno cogliere impreparate, e propongono agli utenti di realizzare video brevi, il più originali e creativi possibili, per parlare dei propri brand.

Anche i micro e nano influencer si riconfermano i preferiti dai giovanissimi nuovi utenti; il motivo è l’autenticità che li differenzierebbe dagli “influencer-celebrities” con milioni di follower.

 

Esperienza, condivisione, community e autenticità: ripetete queste parole come un mantra e avrete la direzione del digital marketing contemporaneo.