LinkedIn per le PMI: 4 funzionalità da sfruttare per usarlo in modo strategico

LinkedIn può rivelarsi un canale di comunicazione di valore, soprattutto per quelle imprese e PMI che operano nel comparto B2B.

Redazione MondoPMI
0
0
linkedin per pmi

LinkedIn è la piattaforma social nata con l’obiettivo di collegare virtualmente una rete di professionisti, di metterli in contatto e di favorire il loro dialogo attorno a temi prettamente legati all’ambiente business e professionale.

Negli anni ha guadagnato notorietà e ha visto incrementare la propria base di utenti, per questo, oggi è un canale di comunicazione che può risultare strategico per imprese e PMI che decidano di integrarlo nella propria strategia digitale. Ma quali sono le funzionalità da usare per sfruttarlo appieno? Scopriamone quattro!

IL PROFILO PERSONALE

Il profilo personale è il fulcro del social network, rappresenta una sorta di CV virtuale (ma in realtà è molto di più, perché sono moltissimi i campi da compilare) dove esporre la propria posizione lavorativa, le proprie esperienze e competenze, sia professionali sia accademiche, nonché i propri contatti. Al momento dell’iscrizione sul social network è fondamentale creare un proprio account come persona e non come azienda, infatti, la presenza di quest’ultima sarà resa nota dalla pagina aziendale, funzionalità che vedremo tra poco.

 

Banca IFIS Impresa

 

Come deve essere un profilo personale efficace? Bastano due parole: completo e aggiornato. Ebbene sì, per cominciare con il piede giusto su LinkedIn, è necessario curare al meglio la propria presenza, e quella dei propri dipendenti, prima ancora di preoccuparsi di quella dell’azienda.

LA PAGINA AZIENDALE

La pagina aziendale è il biglietto da visita dell’impresa. Attraverso la pagina sarà possibile far conoscere il brand grazie a logo e immagine di copertina, pubblicare contenuti rilevanti per il proprio target di riferimento, veicolare traffico al proprio sito web e raccogliere un bacino di follower che entreranno così a far parte della rete sociale dell’impresa.

È importante, dunque, gestire la pagina in modo efficace cercando di mantenere una presenza attiva grazie a pubblicazioni settimanali, o relativamente frequenti, che vadano ad aumentarne la visibilità e favorire interazioni sociali di valore tra gli utenti e tra gli utenti e l’azienda stessa.

Cosa postare su LinkedIn? Articoli di blog, news e, più in generale, ciò che è rilevante per l’attività aziendale e capace di intercettare gli interessi del proprio target di riferimento.

LINKEDIN SALES NAVIGATOR

LinkedIn Sales Navigator è una funzionalità a pagamento offerta dal social network che può rivelarsi molto utile, soprattutto per le PMI che operano nel B2B, perché è orientata allo scouting di contatti commerciali.

Sales Navigator offre diverse funzionalità che possono tornare utili a commerciali e venditori perché, una volta configurato, l’algoritmo di LinkedIn gli suggerirà nomi di aziende potenzialmente interessanti da trasformare in futuri clienti e di persone, che in queste stesse aziende, occupano posizioni lavorative che li identificano come decision maker.

Le potenzialità di LinkedIn Sales navigator sono davvero molte e tutte da testare, a questo scopo, prima di attivare l’opzione a pagamento è possibile approfittare di prove gratuite o demo.

LINKEDIN ADVERTISING

Proprio come in Facebook e Instagram, anche su LinkedIn è possibile fare attività di social advertising. In particolare, è possibile individuare il proprio pubblico di riferimento targetizzando gli utenti secondo variabili molto dettagliate e spesso legate all’ambito professionale e accademico. Per esempio, è possibile selezionare gli utenti in base alle caratteristiche dell’azienda in cui lavorano (come dimensione dell’organizzazione o settore di attività), in base al loro percorso di formazione (campi e titoli di studio, scuole o università frequentate), in base alla loro esperienza lavorativa (funzione, anzianità, qualifica, anni di esperienza, competenze) o in base a interessi ricavati della loro attività sul social network.

C’è però una nota negativa da evidenziare: i costi della pubblicità su LinkedIn sono abbastanza alti ed è richiesto agli inserzionisti un investimento giornaliero di almeno 10€.

 

Abbiamo visto, dunque, che LinkedIn può rivelarsi un canale di comunicazione di valore, soprattutto per quelle imprese e PMI che operando nel comparto B2B devono costantemente fare i conti con processi di acquisto e acquisizione clienti molto complessi. Il social network può diventare, infatti, una leva su cui puntare per costruire una rete di contatti con cui dialogare in maniera vantaggiosa e lungimirante, per generare brand awareness e, perché no, per attività di social selling.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock