Nannini: innovazione e Made in Italy al femminile

Redazione MondoPMI
0
0

Per la nostra rubrica FuturoPMI abbiamo intervistato Alessandro Giudice, Amministratore Delegato di Nannini Firenze Srl. Una realtà artigianale che si occupa di borse e accessori dal 1945.  Vediamo come si è evoluta in questi anni l’impresa, puntando sull’innovazione e sul made in Italy.

Nata nel 1945 come azienda familiare, oggi Nannini è espressione dell’eccellenza italiana e del Made in Italy. Quali sono i valori che vi contraddistinguono e che vi rendono dopo oltre 60 anni di esperienza un brand forte e conosciuto?

Nannini ha sempre rappresentato un brand storico della pelletteria, rivolto a una consumatrice (italiana e internazionale) che vi ha ricercato negli anni lo stile, la cura dei particolari e delle lavorazioni, la scelta di materiali e complementi di eccellenza. Una donna cosmopolita, sicura, attenta ai dettagli e capace di distinguersi, desiderosa di scegliere un prodotto sicuramente ben fatto, ma anche dal gusto autenticamente italiano. E poi, naturalmente, è della fedeltà ai propri valori tradizionali e familiari, permeati di attenzione alla clientela e di affidabilità, che Nannini ha fatto, e vuole continuare a fare, una vera bandiera.

Dalla collezione primavera-estate 2014, le borse in pelle Nannini saranno prodotte interamente in Italia. Da cosa nasce questa decisione? Cosa rappresenta per voi il Made in Italy?

La scelta di puntare al Made in Italy non è certo un vezzo, né un’etichetta commerciale: è l’impegno preciso a ricercare la qualità senza compromessi. Nel Made in Italy non sono  racchiuse soltanto l’esperienza e la competenza di una tradizione che, dalle nostre parti (l’Italia ma soprattutto la Toscana), ha saputo raggiungere livelli di eccellenza ineguagliati, ma vi è contenuta per un’azienda l’opportunità di seguire direttamente e quotidianamente (grazie alla prossimità geografica) le produzioni. In questo modo, tutto – dai materiali alle lavorazioni – è italiano. Il prodotto non esce dai nostri confini in nessuna delle fasi di produzione e fino al controllo di qualità finale, finché non arriva alla cliente.

Avete intrapreso un percorso di digitalizzazione, aprendovi ai Social Network ed in particolare a Facebook, Twitter e Pinterest. Quali benefici state ottenendo da tale strategia? Quali valori desiderate trasmettere grazie all’uso della Rete?

La grande piattaforma comunicativa rappresentata dai social networks offre la straordinaria opportunità di interagire in modo bidirezionale con la clientela. Questo sembra oggi scontato e banale ma fino a pochissime stagioni fa non esisteva. Oggi c’è una grande comunità, dove tutte le opinioni possono essere espresse da chiunque, e arrivano in tempo reale a destinazione. Per l’azienda, la possibilità di informare in tempo reale le proprie clienti sulle novità, le collezioni, le proposte, le offerte, gli eventi. Ma anche la possibilità di coglierne in tempo reale umori e impressioni, grazie a un flusso di ritorno che diviene strumento prezioso per un’azienda che pone la cliente al centro del proprio universo creativo, produttivo e commerciale. Oggi la moda raccoglie anzitutto emozioni, che dovranno poi essere interpretate da un prodotto che le sappia trasformare in sensazioni tangibili: la vista, il tatto, nel caso della pelle perfino il profumo. Questo è il legame inscindibile tra prodotto e consumatrice che, grazie alla finestra dei social network, trova uno spazio straordinariamente efficace e immediato.

Oltre ai social, avete un ottimo servizio di e-commerce, con la possibilità di creare in modo semplice ed intuitivo una wishlist. Com’è cambiato il processo di acquisto verso i vostri prodotti? Avete ottenuto degli evidenti benefici grazie al commercio elettronico?

Certamente. Lo shop online è uno strumento prezioso per individuare le linee e i modelli che incontrano il massimo gradimento della clientela, e per poter orientare la proposta creativa anche interpretando questi segnali. Se i social network offrono un canale di comunicazione cliente-azienda straordinariamente diretto, l’e-commerce sublima il potenziale informativo del canale web, poiché consente di cogliere il delicatissimo passaggio con cui l’emozione si trasforma in decisione di acquisto. Inoltre, l’e-commerce ha nell’immediatezza e nella prontezza di risposta di tutta l’azienda (commerciale, marketing, logistica, post vendita) la sua chiave di successo e rappresenta una palestra importante per il continuo miglioramento qualitativo delle funzioni aziendali.