Pinterest per le PMI: una strada da percorrere!

Studio Baldassi
0
0

Pinterest è un social network dedicato alla condivisione di immagini e il suo nome deriva del verbo to pin (appendere) e dal sostantivo interest (interesse). Le boards (bacheche che sono in effetti delle cartelle di file) costituiscono l’idea centrale del social network: funzionano da raccoglitori pubblici, quindi visibili a tutti, d’immagini tematiche, condivise dalla rete o generate dagli utenti,  che permettono la connessione tra persone aventi gli stessi gusti e interessi. Il “pin it” permette la condivisione delle immagini più interessanti trovate nella rete direttamente sulle proprie board tematiche”. Dal Blog di Pinterestitaly

Oggi essendo ospite di MondoPMI vorrei dare un mio contributo concreto rispondendo alla domanda: perché usare Pinterest? Cosa potrebbe dare alla mia Piccola Media Impresa italiana?

Pinterest è un social network che dal 2012 si è diffuso principalmente in UK e in USA e sta acquisendo sempre più popolarità anche in Italia. Si presenta con una veste grafica molto chiara, pulita e ordinata tanto da essere diventata trend e ispirazione per molti altri siti come eBay, come zalando, come molti altri e-commerce. Eh sì questo è il nodo della questione: Pinterest sta diventando un ottimo anello di congiunzione tra social e e-commerce grazie a due caratteristiche che ti potranno sembrare inizialmente banali, ma sono il nodo della questione. Ha dato valore in effetti a un’azione già presente su altri social (cosa c’è di nuovo nel pubblicare delle foto?), inserendo la possibilità di descriverle e inserire un link che rimanda a siti esterni alla piattaforma social. Il 90% dei pinners appartiene alla fascia femminile, ed è per questo che anche brand e grandi marche come D&G, Borsalino, Benetton, Sephora (e moltissimi altri) hanno iniziato a inserire nella loro strategia di comunicazione anche le pinterest board.
Non è ancora chiaro il perché dovresti usare Pinterest e in genere a questo punto le domande sono: ma come? Cosa cambia? Io ho il mio sito, la mia vetrina… e lo devo ripetere su Pinterest?

No, assolutamente no! Pinterest vive di emozioni quelle che un’immagine ti può dare in un nano-secondo perché ti può far ridere, piangere, arrabbiare. Su Pinterest si scambiano passioni in modo creativo! Se vendi cappelli, proponi una board con immagini di artisti famosi che ne indossano uno; se vendi oggetti tecnologici come smartphone? Crea una board ironica con immagini in cui fai vedere situazione assurde in cui le persone utilizzano il cellulare.

Sì ok, ma perché? Cosa può portare questo a me e concretamente alla mia azienda?

Tieni presente che le abitudini di acquisto dei consumatori sono radicalmente cambiate. Una recente indagine ha rivelato che in UK e USA il 59% delle persone (quindi 1 persona su due) verifica prima online il proprio acquisto per poi decidere l’acquisto (sia esso eseguito online o offline). Ma non è finita: la stessa indagine ha rivelato che il 79% dei consumatori coinvolti dichiara di essere influenzato da Pinterest per l’acquisto e il 21% lo usa per scoprire nuovi oggetti da acquistare. Tu come ti stai muovendo per essere presente anche in questo bacino d’utenza? Se rimani nel tuo guscio, nel tuo sito statico, come credi di poter sviluppare nuovi contatti?

Come è possibile avere numeri così alti?

Pinnare è rilassante e divertente, le persone gestiscono le proprie immagini, trovano foto che le ispirano: vasi ambientati in giardini meravigliosi? Clicco la foto e, grazie al link che aveva inserito la persona che per prima ha pinnato quell’immagine, è possibile essere direttamente indirizzati al sito sul quale trovare foto e prezzo e magari anche acquistare il prodotto!

Ma quindi come si presenta un Pin?

Le foto hanno una piccola descrizione: utilizza in questo spazio gli hashtag perché studi rivelano che sono un ottimo veicolo di indicizzazione anche attraverso google.

Il pin può essere “editato”, ovvero compilato in ogni sua parte: fondamentale il link di rimando! Quando cliccherai il tasto edit, ti comparirà una schermata come questa in cui avrai chiaro la board in cui è contenita il Pin, la descrizione e il link al sito esterno che non deve mai mancare.

Tu come utente puoi interagire con quattro modalità: il tasto like, il commento,  la condivisione su social come Twitter e Facebook e il re-pin, ovvero prendendo quella immagine e inserendola anche nella tua bacheca.
Cosa fare con un Pin.
Una funzione importante (che per ora però è solo in dollari) è la possibilità di inserire in sovraimpressione della foto il prezzo di quell’oggetto il che fa pensare a una direzione sempre più spinta verso l’e-commerce.

Sì ma io non sono un grande brand… certo! E quindi?

Ti porto un esempio concreto: vai a vedere la board di Caffè Carbonelli, del quale abbiamo parlato anche su MondoPMI

Questa impresa familiare ha intuito più di due anni fa quanto poteva essere strategico Pinterest per il proprio business e così ha iniziato a proporre il “mondo del caffè”, di Napoli, della terra dalla quale proviene l’azienda. Ha integrato tutto, ovvio, con una strategia di comunicazione completa che prevedeva altri social. Hanno anche aperto un blog “il salotto del caffè”. Il risultato? Che vanno alla grande anche e soprattutto all’estero, anche e soprattutto grazie alla fascia femminile che utilizza Pinterest e tramite questo strumento ha potuto entrare in contatto con questa realtà.

Consigli:

Questa panoramica sintetica e veloce aveva un unico fine, l’incuriosirti per farti ragionare. Se dovessi quindi darti un consiglio, ti direi entrare comunque in Pinterest, sii utente prima ancora di pensare a come trovare fans o come fare business! Impara le regole, guarda gli altri come si muovono. Se vuoi altri approfondimenti, anche di tipo tecnico, su Pinterest ti invito a seguire il mio blog futurosemplice.net ma, prima, dimmi: tu che ne pensi? Avevi mai sentito parlare di Pinterest? Ti è venuto qualche dubbio? Vuoi chiedermi qualcosa? Fammi sapere cosa ne pensi!

Grazie a chi mi ha ospitato,
auguro come sempre a tutti voi uno splendido #futurosemplice!
Rosa

Articolo di Rosa Giuffrè

Diplomata all’Istituto d’Arte, specializzata in grafica editoriale e pubblicitaria alla Scuola del Castello Sforzesco quindi laureata in Comunicazione Aziendale all’Università Statale di Milano, oggi sono un’inquieta, energica Communication Manager, Blogger ePinterest specialist vivo i Social, amo organizzare eventi e credo, anche, nel mio #futurosemplice. Il mio lavoro consiste nell’applicare i paradigmi della comunicazione alle realtà aziendali col compito di definirne le corrette strategie. Più semplicemente il mio compito è di trovare il giusto strumento e comunicativo, on-line e off-line, per fare arrivare il messaggio al target definito e quindi al cliente ideale. Se vuoi contattarmi, mi trovi nel mio mondo: su futurosemplice.net o sui principali social network.