Riforma del lavoro: aumenta il costo per le PMI ma diminuisce la produttività

Studio Baldassi
0
0

Uno studio della società di consulenza Accenture ha stimato che, nei prossimi anni, i costi che le Piccole Medie Imprese dovranno sostenere per il personale sono destinati a salire, così come l’età media dei dipendenti.

Le cause di questo cambiamento sarebbero sostanzialmente due:

  • Il tendenziale aumento delle aspettative di vita;
  • La recente riforma del lavoro del ministro Elsa Fornero, che porterà molti over 50 a rimandare il proprio pensionamento ai 65 anni e oltre.

Sempre secondo Accenture, considerando che circa il 26% della popolazione italiana, oggi, ha più di 60 anni e che tale percentuale è destinata a crescere fino al 41% entro il 2050, i due fattori sopra citati porteranno ad un aumento del personale di ogni azienda già nei prossimi anni. E visto che ad aumentare saranno i lavoratori nelle fasce di età più avanzate, che dunque percepiscono stipendi più elevati, il relativo costo per le imprese aumenterà, mentre per i giovani sarà sempre più difficile trovare un lavoro.

L’impatto, inoltre, potrebbe non essere limitato solamente agli obiettivi di risparmio sul costo del personale delle aziende, o al mercato del lavoro, ma potrebbe riguardare anche la produttività, dal momento che l’ingresso in azienda di nuove competenze non sarà facile.

Le imprese potrebbero dover rivedere le proprie politiche di formazione, di carriera e di mobilità, considerando l’opportunità di strutturarsi in modo orizzontale oltre che verticale.