Smart working: cos’è, a cosa serve e quali sono i vantaggi per l’impresa

Pro e contro dello smart working: perché un'azienda dovrebbe adottare questo modello organizzativo flessibile

Redazione MondoPMI
0
0
smart working

Lo smart working, o lavoro agile, è un modello organizzativo flessibile che permette al dipendente di svolgere le sue attività in autonomia, negli spazi e negli orari che preferisce. Questo sistema, basato su accordi volontari e con un orientamento ai risultati, può aumentare notevolmente la produttività personale e quella complessiva dell’organizzazione.

A cosa serve lo smart working

Lo smart working supera il concetto tradizionale di posto di lavoro: il dipendente non ha una postazione fissa e un orario definito, ma è lasciato libero di organizzare le sue giornate di lavoro. Ciò che caratterizza il lavoro agile è quindi l’assenza di vincoli orari e spaziali e il possibile uso di strumenti tecnologici per lo svolgimento dei propri compiti.

I progetti di smart working vengono definiti su base volontaria tra dipendenti e datori di lavoro e includono strategie di responsabilizzazione dei lavoratori, per favorire il raggiungimento dei risultati.

Il lavoro agile è per le aziende una risorsa per far evolvere i propri modelli organizzativi, per coinvolgere in maniera più forte i dipendenti ai risultati e per aumentare i tassi di produttività. Per la collettività un aumento del numero dei lavoratori agili significa invece meno inquinamento, dal momento che non è necessario doversi spostare per raggiungere l’ufficio.

 

Banca IFIS Impresa

 

Come si attiva lo smart working in azienda? Risponde il nostro consulente del lavoro.

Pro e contro dello smart working per le aziende

Secondo l’Osservatorio Smart Working 2018 del Politecnico di Milano, in Italia l’8% delle PMI ha definito piano strutturati di smart working, mentre il 16% delle imprese attua progetti di smart working informali.

Sono diversi i vantaggi che una piccola e media impresa può ottenere dall’attuazione di progetti di lavoro agile:

  • dipendenti più produttivi e soddisfatti;
  • minori costi di gestione;
  • meno assenteismo e più partecipazione dei lavoratori agli obiettivi aziendali.

Abbracciare la rivoluzione dello smart working vuol dire per le aziende rivedere e aggiornare l’intero sistema organizzativo e i modelli adottati fino a quel momento. Questo può rappresentare un freno, soprattutto per le aziende meno propense al cambiamento.

Scopri quali sono i benefit aziendali più richiesti dai dipendenti in questo articolo.

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock