Alternanza scuola-lavoro: opportunità per le PMI

Opportunità ed esonero contributivo per le pmi che aderiscono all'alternanza scuola-lavoro.

Redazione MondoPMI
0
0
alternanza scuola lavoro

Le opportunità per le PMI dei piani di alternanza scuola-lavoro.

Alternanza scuola-lavoro: le opportunità per le piccole e medie imprese

L’alternanza scuola-lavoro, introdotta con la riforma denominata Buona Scuola, è un’opportunità non solo per gli studenti, ma anche per le imprese, specialmente quelle di piccole dimensioni.

Per le PMI accogliere gli studenti e definire con loro un piano di formazione significa poter sviluppare dei progetti speciali che coinvolgono i ragazzi e confrontarsi con il mondo della scuola. I progetti di alternanza scuola-lavoro corrispondono a 400 ore di apprendimento in azienda per gli studenti di istituti tecnici e professionali e 200 ore per gli studenti dei licei che frequentano gli ultimi tre anni scolastici.

Attraverso il tutor interno alla scuola e al tutor aziendale, viene definito il percorso formativo individuale e si identificano gli obiettivi del percorso di formazione e di apprendimento. Per le imprese, il periodo di alternanza scuola-lavoro è un’opportunità per accogliere nuove risorse in azienda e per ridurre la distanza con il mondo della scuola. Ma i vantaggi non si limitano a questi aspetti: gli imprenditori che decidono di offrire ai ragazzi un contratto di lavoro o un percorso di apprendistato possono usufruire anche di un sostanzioso beneficio economico, ottenendo uno sconto sui contributi previdenziali per i primi tre anni.

Banca IFIS Impresa

 

Come funziona l’esonero contributivo

Le aziende che decidono di assumere i ragazzi che hanno svolto uno stage o un periodo di alternanza scuola-lavoro in azienda possono beneficiare di un esonero contributivo parziale. L’agevolazione dura per tre anni e prevede:

  • l’esonero del 100% dei contributi a carico dell’impresa per il primo anno;
  • l’esonero del 50% dei contributi a carico dell’impresa per il secondo e per il terzo anno.

Per poter beneficiare di questa misura di vantaggio è necessario che l’assunzione o la firma del contratto di apprendistato avvengano entro sei mesi dal diploma e che i ragazzi assunti abbiano svolto in azienda almeno il 30% delle ore di alternanza scuola-lavoro previste dal proprio piano di studi.

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock