Confcommercio: consumi in calo, ma la ripresa continua

Contrazione per il mese di Agosto, ma la tendenza annuale è positiva

Redazione MondoPMI
0
0
consumi

Sono stati presentati oggi i dati dell’indicatore dei Consumi di Confcommercio riguardanti il mese di agosto. I numeri parlano di una flessione dello 0,3% rispetto al mese di Luglio ma comunque in salita del 2% rapportato allo stesso mese dell’anno precedente.

Secondo Confcommercio il dato pur essendo in contrazione non sembra rappresentare un’interruzione rispetto al processo di crescita in atto già da fine 2014. I dati, infatti, sono influenzati da alcuni elementi occasionali che le tecniche di destagionalizzazione non riescono ad eliminare. La tendenza dei primi tre mesi dell’anno continua ad avere segno positivo con valori che si avvicinano a quelli fatti registrare nel 2013.

La domanda di beni ha subito un ridimensionamento del -0,4% mentre la domanda di beni e servizi ricreativi recupera in parte i mesi di Giugno e Luglio facendo segnare un +0,3%. Restano invariati i dati del settore turismo per alberghi, pasti e consumi fuori casa, come la domanda di beni e servizi per la cura della persona e per l’abbigliamento e le calzature.

Il cambiamento meteorologico del mese di Agosto rispetto al picco di calore di Luglio, ha portato ad una contrazione della domanda di servizi per la casa del -1,3%. Le riduzioni dei consumi si registrano anche per alimenti, bevande e tabacchi del -0,4% per i beni e i servizi per la mobilità (-0,1%) e per i servizi per le comunicazioni (-0,2%).

Le dinamiche tendenziali rispetto al 2014 mostrano comunque un risultato positivo per quel che riguarda la domanda relativa ai beni (+2,2%) sia di quella per i servizi (+1,5%). I settori più in forma rispetto all’anno scorso sono quello dei servizi per la mobilità (+8%) e comunicazioni (+3,8%). Più contenuto il rialzo nel settore turistico e ristorativo con +2,2% e beni e servizi per la casa +1,1%.