Entrate tributarie in crescita nei primi 5 mesi del 2017

L'incremento è in parte dovuto alla nuova modalità di pagamento del canone tv.

Redazione MondoPMI
0
0
entrate-tributarie-2017

Il Dipartimento delle Finanze ha reso disponibile il Bollettino delle entrate tributarie del periodo gennaio-maggio 2017. Nel periodo considerato le entrate tributarie erariali sono state pari a 159.423 milioni di Euro, secondo la competenza giuridica delle imposte, e registrano un incremento di 2.953 milioni di Euro (+1,9%) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Tale incremento è in parte spiegato dall’introduzione della nuova modalità di pagamento del canone tv nella bolletta dell’energia elettrica, in relazione al versamento dell’imposta avvenuto nel mese di gennaio 2017 e per un importo pari a 642 milioni di Euro.

I dati nel dettaglio

Le imposte dirette sono state pari a 80.704 milioni di Euro e registrano una crescita di 1.135 milioni (+1,4%) rispetto allo stesso periodo del 2016, principalmente a causa delle maggiori ritenute da lavoro dipendente e da pensione.

Questo incremento è stato parzialmente compensato dall’applicazione delle disposizioni della Legge di Bilancio 2017, che aveva alleggerito il carico tributario introducendo un incremento delle detrazioni per i pensionati fino ai 75 anni e minore tassazione per i premi di produttività.

Per quanto riguarda l’imposta IRES, questa ha registrato un incremento di 211 milioni di Euro (+16,3%).

[BannerArticolo]

Hanno invece subito una riduzione le imposte sostitutive sui redditi da capitale e plusvalenze, che diminuiscono di 161 milioni di Euro (-24,6%).

Infine la contribuzione volontaria ha contribuito alla formazione delle imposte dirette per un importo pari al 405 milioni di Euro, 348 milioni di Euro in meno rispetto a quanto registrato nel 2016.

Le imposte indirette sono state pari a 78.719 milioni di Euro, in aumento di 1.818 milioni di Euro (+2,4%) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

L’imposta sul valore aggiunto, pari a 46.761 milioni di Euro, ha subito una crescita di 1.912 milioni di Euro (+4,3%) e nel dettaglio:

  • +2,2% IVA sugli scambi interni;
  • +22,2% IVA sulle importazioni.

Infine le entrate dovute alle accise sui prodotti energetici, loro derivati e prodotti analoghi, pari a 9.210 milioni di Euro, hanno registrato una lieve flessione (-0,8%) rispetto ai primi 5 mesi del 2016, mentre l’accisa sul gas naturale si è attestata a 1.452 milioni di Euro, con una riduzione del 2,7% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock