Inflazione in aumento: a Maggio i prezzi tornano a salire

Redazione MondoPMI
0
0

L’Italia esce dal periodo di deflazione, anche se i dati vengono rivisti al ribasso dall’Istat, la previsione era del +0,2% mentre l’inflazione è effettivamente aumentata dello 0,1% rispetto a Maggio 2014. Dopo quattro mesi di deflazione si è registrato un cambio di tendenza. Questo è dovuto principalmente al ricalcolo annuale dei prezzi di quei beni energetici che non sono regolamentati ( si passa dal -8,7% di Aprile al -7,2% di Maggio), aumento tendenziale dei prezzi dei servizi associati ai trasporti (ad Aprile -0,6% a maggio +0,8%).

In aumento anche i prezzi relativi ai beni alimentari, all’igiene della persona e alla cura della casa, che sono risultati in aumento dello 0,1% su base mensile, mentre +0,8% su base annua. I prezzi dei beni ad alta frequenza d’acquisto fanno registrare un aumento positivo, sia tendenziale che congiunturale, pari allo 0,3%. Tolti i beni alimentari non lavorati e i prodotti energetici, l’inflazione sale dallo 0,3% di Aprile allo 0,6% di Maggio, mentre escludendo i soli beni energetici fa registrare +0,8%.

L’indice generale dei prezzi su base mensile aumenta soprattutto grazie alla risalita dei prodotti energetici non regolamentati, i quali crescono del 1,8%, anche i servizi ricreativi, culturali, della cura e igiene personale aumentano dello 0,5%.

Se confrontiamo i prezzi con Maggio 2014, registriamo una diminuzione della flessione dal -0,5% di Aprile al -0,3% di Maggio, anche il prezzo dei servizi cresce dal +0,3% al +0,7%. Confrontando il differenziale di inflazione di beni e servizi tra il mese di Aprile 2015 e Maggio 2015 riscontriamo un aumento pari allo 0.2%.

Per concludere, l’indice armonizzato dei prezzi al consumo (IPCA) ha visto un aumento dello 0,2% sia tendenziale che su base mensile.

Image Credit: Shutterstock