L’ INNOVAZIONE DELLE PMI. IL TRIENNIO DELLE 895 “SCALE UP”

La localizzazione delle scale up sul territorio nazionale

Redazione MondoPMI
0
0

I passi fin qui fatti nell’adozione del nuovo paradigma industriale hanno permesso miglioramenti nei processi produttivi, e l’ innovazione delle PMI ha aumentato anche la loro competitività a livello internazionale; ci sono però realtà che più di altre hanno investito nel campo dell’innovazione, anche attraverso dotazioni tecnologiche di alto livello. L’OCSE ha definito queste realtà “Scale up”, con un termine che richiama il ben più usato “Start up” ma che fa riferimento alla crescita di una realtà già esistente, in luogo di una creata da zero. Le Scale up sono aziende composte da minimo 10 dipendenti, ed in Italia rappresentano lo 0,9% delle società di capitali; se ne contano 895. Negli ultimi tre anni, i più intensi sul fronte dell’innovazione industriale, hanno presentato risultati più che positivi in termini di crescita. Le Scale up rappresentano in sostanza la concretizzazione dell’innovazione delle PMI, forse più del fenomeno Start up che, anche statisticamente, riesce difficile inquadrare nei termini di analisi delle piccole e medie imprese.

I settori più coinvolti nell’ innovazione delle pmi

In quali mercati si muovono le Scale up? I settori nei quali l’innovazione delle PMI ha trovato posto più ampiamente sono

  • Settore manifatturiero: 32%
  • Settore del commercio: 19,7%
  • Settore delle costruzioni: 12,6%

Seguono a scalare le agenzie di viaggio e noleggio, ristorazione e alloggio, comunicazione e informazione, attività scientifiche professionali e infine magazzinaggio e trasporto.

[BannerArticolo]

La distribuzione sul territorio italiano

A sfatare il mito della distribuzione delle attività con crescita positiva quasi esclusivamente nel nord Italia, ci pensa una classifica diffusa da Unioncamere-Infocamere per Il Sole 24 Ore.
La localizzazione delle scale up sul territorio nazionale vede, si la Lombardia con il 21,2% di imprese innovative (ben 190 appartengono infatti a questa regione ), ma consegna alla Campania il secondo posto con una percentuale del 10,8%. Il Veneto viene al terzo posto, con il 9,8%. Più in difficoltà risulta il centro Italia, dove la situazione è più sfumata: in alcuni casi l’innovazione delle PMI ha portato a successi, in altri non è stata sufficiente a produrre crescita. Nonostante questo, il Lazio rimane un territorio “ricco” di PMI innovative, con un 9,1% di Scale up.

La crescita dell’occupazione con l’ innovazione delle PMI

Anche l’occupazione cresce in concomitanza ai bilanci delle aziende “scale up”. Le piccole e medie imprese sono passate da un numero medio di 31 fino ai 70 addetti. L’assunzione di personale specializzato ha infatti permesso a queste realtà di fare un ulteriore salto in avanti.

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock