Internazionalizzazione, ecco i voucher

Il Centro Studi di Confagricoltura ha recentemente realizzato un’indagine volta a fotografare il settore agricolo in Italia.

Laura Aglio
0
0

Per le PMI e le loro reti un supporto alla strategia di internazionalizzazione: è operativo, con lo stanziamento di 19 ml di euro e domande a tranche successive (a partire dall’autunno 2015), l’intervento “voucher per l’internazionalizzazione”, attraverso l’inserimento in azienda di un “Temporary Export Manager” (Decreto Ministeriale del 15 maggio 2015, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 140 del 19 giugno 2015).

DESTINATARI

L’intervento consiste in un contributo a fondo perduto sotto forma di voucher da 10.000 euro ciascuno, ovvero un sostegno economico a copertura di servizi erogati per almeno 6 mesi a tutte quelle PMI (società di capitali anche in forma cooperativa e Reti di imprese tra PMI, con fatturato minimo di 500mila euro in almeno uno degli esercizi dell’ultimo triennio – requisito non applicato alle startup) che intendono guardare ai mercati oltreconfine attraverso una figura specializzata (il cd. Temporary Export Manager o TEM) capace di studiare, progettare e gestire i processi e i programmi sui mercati esteri.

CARATTERISTICHE DELL’INTERVENTO

Sono considerate ammissibili le spese per il costo del temporary export manager sostenute dalla data di sottoscrizione del contratto di servizi, nell’ambito del quale deve essere individuato il soggetto che svolge la prestazione. Per avere accesso al voucher l’impresa deve intervenire con un cofinanziamento che, per il primo bando è di almeno 3mila euro (il costo complessivo sostenuto dall’impresa per il servizio deve essere, pertanto, di almeno 13mila euro). Per le imprese ammesse alla prima tranche che intendono fare nuovamente ricorso all’agevolazione il voucher si riduce a 8.000 euro per almeno 6 mesi e un cofinanziamento di almeno 5.000 euro. L’azienda deve rivolgersi ad una Società fornitrice dei servizi scegliendola tra quelle inserite nell’apposito elenco presso il Ministero, che sarà pubblicato entro il giorno 1 settembre 2015.

PREMIALITÀ

Due le premialità: una quota è riservata alle PMI che hanno iniziato il percorso di internazionalizzazione partecipando ai “Roadshow per l’internazionalizzazione” organizzati dall’ICE-Agenzia e una riserva, in misura pari al 3% delle risorse disponibili per ciascun bando, è destinata ai soggetti che hanno conseguito il “rating di legalità”.

COME PARTECIPARE

La domanda potrà essere presentata (una sola per impresa e in via telematica con posta elettronica certificata e firma digitale) a partire dalla data di apertura dello sportello comunicata a questa pagina.

Per informazioni sullo strumento: exportvoucher@mise.gov.it

Articolo redatto da Laura Aglio

Image credit: Shutterstock