Imprenditoria giovanile: coraggio e volontà

Sempre più Under 35 creano lavoro, soprattutto al Sud

Redazione MondoPMI
0
0
imprenditoria-giovanile

La spinta verso il ritorno ai livelli economici pre-crisi la stanno dando i giovani Under 35, a cui è tornato a riaccendersi lo spirito imprenditoriale. Dati confortanti emergono da Movimprese, ricerca trimestrale condotta da Unioncamere e Infocamere, per il secondo trimestre del 2015; i giovani alla ricerca di lavoro, faticando a trovarlo, lo creano, tornando a far crescere i numeri relativi all’imprenditoria giovanile. Nel periodo aprile – giugno di quest’anno ben più di 30mila imprese (circa 300 al giorno) sono state avviate da giovani al di sotto dei 35 anni, un terzo delle aperture totali. Il saldo al netto delle chiusure dello stesso periodo (11mila circa) fa quindi segnare un +20 mila unità, che vanno a sommarsi a quelle già esistenti raggiungendo quota 600mila aziende guidate da giovani in tutto il Paese. Dato ancor più significativo è il tasso di aumento trimestrale (+3,6%) dell’imprenditoria giovanile, soprattutto se confrontata con il dato generale delle nuove imprese che comunque fa segnare un buon +0,6%. Il commercio è il settore che ha registrato il maggior numero di nuove aperture con il 33% del totale seguito dal settore alberghiero-ristorativo (14%), da quello delle costruzioni (12%) e agricoltura (8%). Le imprese individuali sono le forme giuridiche più registrate, sintomo che spesso l’intricato percorso alla ricerca di un’occupazione incentiva la scelta dei singoli verso una svolta professionale autonoma. Dal punto di vista geografico le notizie migliori vengono dal Mezzogiorno (soprattutto Calabria, Campania e Sicilia) dove circa il 40% delle nuove iniziative imprenditoriali totali prendono forma da idee di giovani. Primato confermato dall’osservazione dei dati sull’incidenza di nuove imprese giovanili sulla popolazione con età inferiore ai 35 anni residenti nelle regioni italiane; caso simbolico quello della Campania dove nascono 3,2 imprese ogni 1000 giovani residenti.

Immagine lavoro via Shutterstock