Le aziende italiane leader della crescita nel 2019

Sono soprattutto PMI, la maggior parte delle quali collocate nel Meridione.

Redazione MondoPMI
0
0
Aziende leader nella crescita

Statistica, società internazionale che si occupa di statistiche, mega-ranking e ricerche di mercato, ha lanciato, in collaborazione con il Sole 24 Ore, la lista dei “Leader della crescita 2019”: 350 imprese al alto tasso di crescita del fatturato nel triennio 2014-17.

Si tratta perlopiù di PMI, per la maggior parte localizzate nel Sud Italia, che non si sono fatte piegare dalla crisi economica e sono decollate senza l’aiuto di incentivi e senza un Sistema-Paese che le sostenesse.

A questo punto, diviene interessante chiedersi su quali leve queste realtà aziendali abbiano fatto forza per incrementare la propria resilienza. Al primo posto, per quanto riguarda le società di consulenza, troviamo l’adozione di servizi digitali evoluti; a seguire, la diffusione del commercio elettronico, l’internazionalizzazione efficace (non solo di beni ma anche di servizi), l’adesione al filone green e salutistico, la ricerca di una qualità “assoluta” nelle materie prime e nei prodotti offerti, il processo di trasformazione industriale 4.0, le forme innovative di retail e distribuzione, la tendenza a privilegiare il local e la tipicità.

Sono questi, quindi, i sentieri che l’Italia produttiva deve percorrere per avviarsi verso la crescita economica tanto agognata.

I CRITERI PER LA CREAZIONE DELLA CLASSIFICA

La classifica non raccoglie grandi “star” internazionali, ma piccole aziende capaci di competere a livello europeo selezionate in base a criteri molto rigidi.

Per essere incluse nell’elenco, infatti, le imprese dovevano presentare questi requisiti:

  • Fatturato di almeno 100 mila euro nel 2014
  • Fatturato di almeno 1,5 milioni di euro nel 2017
  • Non essere filiali o affiliate
  • Avere la propria sede legale in Italia
  • La crescita di fatturato nel triennio 2014-2017 deve essere prevalentemente organica
  • Non aver violato la legge

Le imprese hanno potuto candidarsi autonomamente nei siti del Sole 24 Ore e di Statistica, presentando i propri dati di fatturato che sono poi stati sottoposti a controllo e verifica da parte di Statista. La società ha anche elaborato una propria lista di aziende potenzialmente rilevanti per l’indagine, in tutto 6 mila, che sono state invitate a partecipare al concorso.

 

Banca IFIS Impresa

 

LA TOP FIVE DELLE AZIENDE LEADER

  1. Buzzoole S.r.l.
    Buzzoole è una piattaforma di Influencer Marketing che nasce a Napoli nel 2013.Nel 2014 l’azienda registra 137 mila euro di fatturato, che nel 2017 salgono a 4 milioni. Il tasso di crescita, quindi, è del 217,62%, il più alto raggiunto da un’impresa italiana nel triennio 2014-17. Il numero di dipendenti ha subìto un incremento altrettanto importante, passando da 3 a 45.
  2. Kolinpharma S.p.A.
    È una PMI innovativa operante nel settore della nutraceutica. Fondata nel 2013, ha registrato una crescita del 202,22% nell’arco del triennio 2014-17, pari ad un aumento del fatturato di circa 4 milioni di euro. Localizzata a Milano, l’azienda ha visto aumentare il numero dei suoi dipendenti da 6 a 22.
  3. Musement S.p.A
    Si tratta di un’azienda attiva nel settore dei viaggi e tempo libero e si occupa della vendita di biglietti, visite guidate e diversi tipi di attività dedicate al tempo libero.La fondazione del brand è avvenuta nel 2013, a Milano. L’azienda ha registrato il più elevato incremento di occupati, da 1 a 67 nell’arco del triennio 2014-17. Nello stesso arco di tempo, il fatturato è cresciuto del 197,10%, da 340 mila euro a circa 9 milioni.
  4. Unicoenergia S.r.l.
    Unicoenergia è una società reseller per la fornitura di Gas&Power. Di origini napoletane, nasce nel 2013 e nell’arco di poco tempo si espande e accresce il suo fatturato. Nel periodo 2014-17 il tasso di crescita registrato è pari al 189,81%, mentre il numero dei suoi dipendenti aumenta di 13 unità.
  5. Sarcos Wind S.r.l.
    È un’azienda che opera nel settore delle energie rinnovabili. Nata in un piccolo paese, quello di Sanluri in Sardegna, vanta oggi più di 50 impianti installati e funzionanti nell’ambito del territorio sardo. Il suo fatturato, nel periodo 2014-17, è salito da 192 mila euro a 4.388 milioni, che tradotto in percentuale equivale ad un tasso di crescita del 183,87%. Il numero dei dipendenti impiegati in azienda è ancora esiguo ma ha comunque subìto un incremento pari a 4 unità.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock