Leasing auto: perché conviene? E quali sono le prospettive future?

Le auto elettriche rappresentano una soluzione conveniente ed economica. Perché allora non optare per il leasing di un’auto green?

Redazione MondoPMI
0
0
Leasing auto

Quello del leasing auto è un fenomeno in costante crescita, sia tra i privati che tra le aziende, perché abbina i vantaggi del classico finanziamento a quelli del noleggio a lungo termine.

Cos’è il leasing auto e come funziona?

Nel leasing auto sono implicati due soggetti:

  • Il lessee (intermediario) che acquista il mezzo di trasporto presso la casa automobilistica per conto di un cliente;
  • Il lessor (cliente) che riceve il mezzo in cambio del pagamento di un canone periodico mensile e di un anticipo a titolo di garanzia.

Il leasing è un rapporto finanziario basato su un contratto nel quale le due parti sono chiamate ad indicare:

  • La durata del canone
  • L’importo mensile, a tasso fisso o indicizzato

Questo tipo di contratto è cedibile a terzi e dà diritto al lessor di utilizzare il veicolo come fosse di proprietà. Al termine del rapporto è possibile riscattare la vettura pagando una maxi rata finale oppure, semplicemente, restituirla.

Se il cliente fosse impossibilitato o si rifiutasse di pagare anche una sola delle rate di leasing, il lessee può richiedere la risoluzione del contratto con conseguente ritiro della vettura.

 

Banca IFIS Impresa

 

A seconda della tipologia di contratto, il cliente può essere tenuto a sostenere personalmente le spese di manutenzione oppure, pagando un canone un po’ più elevato, potrà essere esentato da tutte le spese comprese quella dell’assicurazione e del cambio degli pneumatici.

Se, una volta iniziato il rapporto di leasing, il lessor volesse recedere dal contratto sarà obbligato a trovare un altro cliente interessato a subentrare al suo posto, secondo una formula chiamata, appunto, di “subentro al rapporto di leasing”. Il subentrante in un contratto di leasing auto acquisisce, ovviamente, gli stessi diritti e doveri del precedente fruitore e può richiedere eventualmente delle modifiche al piano di ammortamento.

Il subentro non è gratuito e prevede una spesa da versare al concedente, calcolata sottraendo al valore nominale dell’auto in leasing la somma delle rate ancora da versare e il prezzo previsto per il riscatto.

A chi conviene il leasing auto e perché?

Il leasing è conveniente soprattutto per l’acquisto di auto aziendali: dal momento che sono sottoposte ad un logoramento significativo dovuto ad un utilizzo elevato, devono essere cambiate periodicamente e il leasing permette un ricambio frequente a basso costo.

Inoltre questa soluzione offre numerosi vantaggi, non godibili in caso di noleggio o di tradizionale acquisto.

  • Innanzitutto, l’azienda può entrare in possesso di un’automobile senza spendere enormi cifre per acquistarla.
  • In caso di azioni legali o di fallimento, poi, l’auto in leasing non può essere pignorata e nemmeno sequestrata.
  • La convenienza del leasing sta anche nella velocità di compilazione delle pratiche burocratiche, più snelle rispetto a quelle per la richiesta di mutui o finanziamenti per l’acquisto di beni strumentali.
  • È, infine, concesso, di dedurre per intero le rate periodiche dal bilancio aziendale, alleggerendo così il carico fiscale.

Tra i vantaggi fiscali:

  • La deducibilità dei canoni al 20%, che può arrivare all’80% per rappresentanti e agenti di commercio.
  • I lavoratori in regime forfettario possono dedurre il 20% sul 50% dei canoni.
  • L’Iva è detraibile al 40% o al 100% se dimostrato l’uso aziendale esclusivo del bene.

Per poter usufruire di deducibilità e detraibilità fiscale, è bene sapere, prima di firmare un contratto di leasing, che devono sussistere certe condizioni:

  • La durata del contratto deve essere pari al periodo di ammortamento del bene;
  • L’auto deve essere dedicata al trasporto esclusivo di persone;
  • I benefici fiscali si possono applicare ad un solo veicolo;

Il tetto massimo per comprare un’auto in leasing e godere dei vantaggi fiscali è pari a:

  • 18.076 euro per i professionisti
  • 5.164 euro per agenti e rappresentanti

Leasing auto: ce n’è per tutti i gusti

È possibile scegliere tra due diverse tipologie di leasing: il leasing finanziario e quello operativo. Il primo è il più diffuso e prevede l’opzione di acquisto a fine contratto e il versamento di un contributo iniziale; il secondo, invece, non consente il riscatto dell’automobile e spesso viene stipulato direttamente con la casa automobilistica.

Il leasing operativo ha l’impatto di un noleggio, può prevedere dei benefit e viene trattato fiscalmente come un servizio, quindi non costituisce un indebitamento a bilancio.

Per quanto riguarda la scelta dell’auto, invece, è possibile scegliere tra tantissimi modelli diversi a seconda delle esigenze della azienda.

Mai pensato al leasing “green”?

Come già dimostrato in articoli precedenti, le auto elettriche rappresentano una soluzione conveniente ed economica, oltre che rispettosa dell’ambiente (per approfondire l’argomento, scopri perché scegliere un’auto elettrica e quanto costa ricaricarla).

Perché allora non optare per il leasing di un’auto green?

Sul mercato sono ancora pochissimi gli intermediari che offrono questa soluzione. Tra questi, Banca IFIS Impresa che ha cercato di rispondere alla domanda crescente di eco-sostenibilità lanciando la nuova iniziativa IFIS Leasing Green: il connubio perfetto tra lo strumento del leasing e i mezzi elettrici per puntare ad una mobilità sempre più sostenibile in termini di costo e di impatto ambientale.

 

Anche il noleggio a lungo termine può rappresentare una soluzione conveniente quando l’auto aziendale è necessaria per un periodo limitato. Approfondisci l’argomento leggendo il nostro articolo sui vantaggi del noleggio a lungo termine.