Made in Italy e Big Data: il trend delle PMI e dei principali settori produttivi

Trasformazione digitale, ecosostenbilità e supporto pubblico: le tre sfide delle PMI

Redazione MondoPMI
0
0
trend delle PMI

“Se guardi da vicino il presente vedi il futuro”.

Quanto è importante analizzare e indagare la realtà dietro ai dati per definire le sfide future delle imprese?
È proprio su questo concetto che si fonda Fattore I., il nuovo progetto di Banca IFIS Impresa in collaborazione con Università Ca’ Foscari, Venice International University, Università degli Studi di Padova, Chorally e un Comitato Scientifico costituito da Eleonora Di Maria, Marco Bettiol e Stefano Micelli, presentato ieri, martedì 7 maggio, a Milano.

Tema centrale dell’evento i risultati delle analisi condotte dall’Ufficio Studi di Banca IFIS e approvate da un comitato scientifico di rilievo. Illustrando in primis l’ecosistema delle PMI italiane e il trend dei principali settori produttivi con i rispettivi hot topic attraverso una web listening, l’indagine ha l’obiettivo ultimo di individuare le PMI più performanti e stellari, ovvero imprese cresciute ad un ritmo particolarmente sostenuto (>20% negli ultimi due anni) e che possono costituire un esempio da seguire. La ricerca, svolta su circa 62 mila PMI appartenenti a 9 settori produttivi del Made in Italy, mostra come nell’ultimo triennio i ricavi, la sostenibilità finanziaria, gli investimenti, la produttività e l’autofinanziamento abbiano registrato incrementi sostanziali, nonostante la sempre più alta competizione nel mercato. Rapportando questi valori con quelli complessivi dei principali settori si sono poi delineati i settori più virtuosi e quelli invece più “critici”: tra i primi rientrano quello della Meccanica, della Tecnologia, della Chimica e Farmaceutica, dell’Automotive e della Moda; tra quelli invece che riscontrano un elevato peso della gestione finanziaria troviamo quello Agroalimentare e delle Costruzioni.
Delineato il panorama dell’ecosistema italiano sono quindi stati esaminati gli hot topic dei singoli settori produttivi. Attraverso un approccio innovativo basato sull’utilizzo dei Big Data provenienti dal web listening sono stati posti interrogativi sulle sfide che le PMI italiane dovranno affrontare per rispondere alle continue richieste del mercato. Dai dati raccolti e le azioni e interazioni osservate emergono tre tendenze che disegneranno l’attitudine del futuro per tutti i settori produttivi: trasformazione digitale, ecosostenibilità e supporto pubblico. Tre sfide che inevitabilmente costringeranno le imprese a stravolgere il proprio modello di business, condizionando anche gli stili di produzione.

Banca IFIS Impresa

 

Una volta individuate le principali tendenze del mercato, l’indagine si focalizza sulle imprese che di fronte a queste sfide sono riuscite a registrare ottime performance.
Le PMI stellari sono state poi le protagoniste dell’ultima parte dell’evento: una tavola rotonda che ha visto confrontarsi quattro imprenditori delle 1085 imprese tra le più performanti. Con la loro testimonianza, Salvatore Lovo di Terre Gaie, Federico Panzieri di Innate Srl, Massimo Gaetarelli di Pastificio Gaetarelli e Filippo Berto di Berto Salotti hanno raccontato la storia di successo della propria impresa: tra questi, capitale umano e territorio costituiscono sicuramente due aspetti di vitale importanza per le quattro realtà intervistate. Sarà così anche per le altre? Non resta che scoprirlo!

Continua a seguirci per rimanere aggiornato su altri risultati dell’indagine e ascoltare la voce delle imprese operanti nei settori produttivi più importanti del Made in Italy.

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock