Partite IVA in aumento nel mese di Aprile

Redazione MondoPMI
0
0

Lo scorso mese di Aprile le nuove partite IVA aperte sono state oltre 47 mila, dato in aumento del 2,7% rispetto allo stesso periodo del 2014.

I dati più positivi riguardano il settore agricolo che registra un aumento del 22,3%, il settore dell’istruzione cresce del 15,3%, la voce “altre attività di servizi” vede un aumento dell’11,7%.

Un calo dell’8,5% c’è stato nelle partite IVA aperte per l’esercizio di attività professionali.

Tali dati sono stati pubblicati nel sito del Dipartimento delle Finanze e forniti dall’Osservatorio sulle partite IVA.

Le partite IVA aperte da persone fisiche rappresentano il 72,6%, le società di capitali il 21,2%, le società di persone il 5,4%, il restante 0,8% è formato da non residenti e altre forme giuridiche.

Se paragoniamo questi dati con quelli del 2014 troviamo un aumento del 8,9% per le società di capitali, le aperture di persone fisiche fanno registrare un +2,3%, mentre si è verificato un significativo calo delle aperture di partite IVA associate a società di persone (-12,3%).

Questo calo è probabilmente dovuto alle nuove norme che agevolano l’aperture di società a responsabilità limitata.

Analizzando i dati per aree geografiche i maggiori incrementi sono stati rilevati al Sud del Paese: la Calabria ha fatto segnare un +26,6%, la Puglia +22,8%.

Complessivamente il Nord fa registrare il 41,2% delle nuove aperture, il Centro il 22,6% mentre il Sud e Isole hanno aperto il 36,1% delle partite IVA complessive.

Segnaliamo infine che il 28% circa delle aperture hanno scelto di aderire al regime fiscale di vantaggio o al regime forfetario.