Pmi, il settore terziario mostra segnali di ripresa

Redazione MondoPMI
0
0

I dati di giugno mostrano che il settore terziario ha offerto le migliori prestazioni dell’ultimo anno. Il dato del settore dei servizi è un altro segnale della prospettiva di ripresa economica del Paese, pur a ritmi non elevatissimi.

L’indagine, elaborata da Markit – Adaci, riguarda i direttori acquisti nel settore terziario e indicano un aumento dell’indice di fiducia che passa dal 52,5 di maggio al 53,4 di giugno, superando di oltre 3 punti il valore 50, indicato come la soglia che traccia il confine tra contrazione e sviluppo.

Andando ad analizzare le singole componenti dell’indice generale possiamo vedere che il dato relativo ai nuovi ordinativi risulta in leggera contrazione, passa infatti da 52,9 a 52,7, dato più basso degli ultimi quattro mesi, in calo anche i dati occupazionali. Le società che operano nel settore terziario si dichiarano, per la maggioranza degli intervistati, molto fiduciose riguardo il miglioramento dello stato del settore nel prossimo anno, alcune hanno evidenziato uno stato di preoccupazione riguardo le condizioni generali del settore dei servizi in riferimento alla chiusura a fine ottobre dell’esposizione universale Expo 2015 a Milano.

Un indicatore di sintesi tra il settore manifatturiero e il settore terziario vede un valore in crescita, passa infatti dal 53,7 di maggio al 54,0 di giugno.

Questi dati positivi, anche se non ancora sufficienti, arrivano dopo il più lungo periodo di recessione vissuto dall’Italia dal dopoguerra ad oggi, anche il Pil del primo trimestre del 2015 è tornato a crescere facendo registrare un +0,3% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Image credit: Shutterstock