Quante sono le imprese guidate da stranieri in Italia?

Una ricerca di InfoCamere e Unioncamere ha analizzato la presenza dell’imprenditoria straniera in Italia.

Redazione MondoPMI
0
0
Imprenditrice negozio abbigliamento

Il numero di imprenditori di origine straniera continua a crescere: oltre 17.00 nuove aperture nel 2020.

 

Banca Ifis

 

Il 10% delle imprese in Italia è guidato da stranieri

Gli imprenditori nati all’estero si confermano protagonisti dell’economia italiana. Secondo la rilevazione fatta da InfoCamere e Unioncamere sulla base dei dati del Registro delle Imprese, a dicembre 2020 le imprese guidate da stranieri erano poco più di 630.000, il 10,4% del totale delle aziende attive in Italia.

I settori in cui è più frequente trovare imprese guidate da imprenditori nati all’estero sono quelli dell’abbigliamento, dell’edilizia e del commercio al dettaglio. In particolare nel comparto della confezione di articoli di abbigliamento, le imprese guidate da stranieri sono quasi un terzo del totale. La stessa percentuale è associata al numero di imprese di telecomunicazioni, mentre le imprese a guida straniera sono oltre il 20% del totale delle imprese attive nel settore dei servizi per edifici e paesaggio, nel settore dei lavori di costruzione specializzati e in quello della fabbricazione di articoli in pelle.

Le regioni in cui è maggiore la presenza di imprese straniere sono la Toscana, in cui spicca il distretto tessile di Prato in cui c’è un’alta concentrazione di imprenditori di origine cinese, la Liguria, il Lazio e la Lombardia.

Nonostante la crisi economica scoppiata nel corso del 2020, i dati di crescita delle imprese a guida straniera nel 2020 si sono mantenuti in linea con quelli dell’anno precedente. Se nel 2019 il saldo tra nuove aperture e chiusure è stato di circa +18.700, nel 2020 le nuove imprese sono state circa 17.600 in più rispetto al 2019.

Complessivamente, nel corso del 2020 le imprese guidate da stranieri sono cresciute del 2,3%. Considerando gli ultimi 10 anni, stando alle rilevazioni fatte dalla Fondazione Leone Moressa, le imprese straniere operanti in Italia sono cresciute del 30%.

Tre imprese su quattro sono ditte individuali

Nella maggior parte dei casi, le imprese guidati da stranieri sono attività di piccola dimensione e organizzate sotto forma di impresa individuale.

Su circa 630.000 imprese guidate da stranieri, oltre 480.000 sono ditte individuali. Altre 100.000 sono società di capitali e solo 39.000 sono società di persone.

Le imprese individuali guidate da stranieri rappresentano oltre il 15% del totale delle imprese attive in Italia, mentre è compreso tra il 4 e il 6% il peso delle società straniere sul totale (società di persone, di capitali e cooperative).

Le nazioni ai primi posti nella classifica di provenienza degli imprenditori stranieri operanti in Italia sono la Romania, il Marocco e la Cina, con le ultime due in leggero calo rispetto agli anni scorsi. Nell’ultimo anno le nazioni che più hanno incrementato la loro rappresentanza sono la Nigeria, l’Albania e il Pakistan.