Sostenibilità in azienda: i grandi marchi e le loro scelte eco-friendly

I consumatori sono sempre più interessati a conoscere quali effetti avranno i soldi che spendono, e si aspettano, dai grandi brand, l’adozione di un comportamento etico sia a livello sociale che ambientale.

Redazione MondoPMI
0
0
Aziende sostenibili

Gli effetti del cambiamento climatico, ormai, sono sotto gli occhi di tutti. Per questo, sono sempre più numerose le aziende che si impegnano nell’adozione di processi di produzione sostenibili e nello sviluppo di prodotti ecologici e rispettosi dell’ambiente.

Dall’eliminazione della plastica dai processi di produzione, alla scelta di un packaging biodegradabile, fino all’installazione di impianti ad energia innovabile e alle campagne di sensibilizzazione dei dipendenti: la lotta all’inquinamento parte soprattutto dalle grandi imprese, che sfruttano la propria influenza sulle abitudini dei consumatori per modificare i loro stili di vita e indirizzarli verso scelte responsabili e sostenibili.

Banca IFIS Impresa

 

In questo articolo, elenchiamo una serie di aziende multinazionali che hanno deciso di dare al proprio business una svolta green e che sono considerate leader per la sostenibilità nel loro settore di riferimento secondo il DJSI, l’Indice di Sostenibilità Dow Jones.

AZIENDE LEADER PER LA SOSTENIBILITÀ SECONDO IL DJSI

Automotive

BMW è prima nell’industria delle automobili per le sue prestazioni ambientali e sociali: oltre a produrre ottimi risultati in termini di sostenibilità, è uno dei datori di lavoro più ambiti al mondo per la sua ampia offerta formativa dedicata ai dipendenti. I miglioramenti apportati al prodotto hanno riportato una riduzione media delle emissioni di CO2 per chilometro del 3,3% rispetto all’anno scorso.

Beni di consumo

A partire dal 2008, LG ha ridotto le emissioni di gas serra di 353 mila tonnellate utilizzando imballaggi eco-friendly, e riducendo il peso del packaging e i costi logistici.

Per il prossimo anno, l’azienda coreana si è posta l’obiettivo di ridurre ulteriormente le emissioni di CO2, almeno del 40%, conquistando così il titolo di “Greener 2020”.

Food & Beverage

Nestlé si impegna da sempre per garantire prodotti e processi il più possibile rispettosi dell’ambiente e della società. In Svizzera, ha recentemente collaborato con gli agricoltori locali per aprire il più grande impianto biogas della nazione, che genera energia verde per il funzionamento delle industrie Nestlé e della rete elettrica svizzera.

Personal care

Unilever, azienda Olandese, ha compilato un “Piano per uno stile di vita sostenibile” che si pone come obiettivo quello di dimezzare l’impatto ambientale dei prodotti della Società. Dal 2010, l’azienda ha già ridotto del 29% la quantità di rifiuti generata con lo smaltimento dei prodotti.

Il brand è impegnato non solo in progetti sostenibili ma anche nelle pari opportunità: attualmente, il 45% delle posizioni dirigenziali all’interno dell’azienda è occupato da donne.

GRANDI MARCHI, GRANDI RESPONSABILITÀ…ANCHE AMBIENTALI

I consumatori sono sempre più interessati a conoscere quali effetti avranno i soldi che spendono, e si aspettano, dai grandi brand, l’adozione di un comportamento etico sia a livello sociale che ambientale. Ci sono tantissimi altri grandi marchi che negli ultimi anno hanno deciso di intraprendere la strada della sostenibilità. Amazon, ad esempio, ha lanciato l’Amazon Day, un’opzione che consente di effettuare più ordinazioni in date diverse e riceverle tutte lo stesso giorno, in modo da ridurre il packaging e le emissioni. Coca Cola, invece, è pronta per lanciare, nei primi mesi del 2020, un nuovo imballaggio di cartone che sostituirà definitivamente le confezioni in plastica; idem per Carte d’Or, che si è convertita all’eco-sostenibilità sviluppando la nuova vaschetta compostabile certificata PEFC e PLA, ottenuta dagli scarti di mais.

Anche alcune aziende italiane combattono in prima linea contro l’inquinamento: Ferrarelle ha deciso di investire nel riciclo, realizzando nuove bottiglie in plastica derivate, per il 50%, da bottiglie già utilizzate, mentre Lavazza ha lanciato le nuove capsule compostabili al 100% che sostituiranno l’intera gamma di capsule per uso domestico.

 

Scopri l’azienda italiana vincitrice del Premio per lo sviluppo sostenibile 2019!