Wethod promuove una nuova cultura organizzativa

LA YOGURT ORGANIZATION è il titolo del webinar che farà vacillare i tradizionali modelli di management.

Redazione MondoPMI
0
0
Wetohd webinar La Yogurt Organization 22 aprile

LA YOGURT ORGANIZATION. Esaltare il talento del team è il successo dell’organizzazione. Il resto è burocrazia.

Questo è l’amo lanciato da Wethod per smuovere le acque nelle società di consulenza, nelle agenzie creative e in tutte quelle aziende che lavorano a progetti, in cerca di un nuovo approccio al management moderno e controcorrente. Un sistema fluido e privo di gerarchie, che agisce rapido perché rinuncia al controllo e in cui nessun errore è irreversibile, perché tanto tutto scade come lo yogurt.

L’incontro durerà circa un’ora, durante la quale i partecipanti metteranno in discussione il “copia e incolla” dei consolidati schemi tradizionali, proponendo una visione rivoluzionaria, seppur semplice: un metodo partecipativo e consapevole per un team felice e di successo.

L’evento si svolgerà su piattaforma online e vedrà tra gli ospiti:

  • Tomas Barazza – Partner di H-Farm Innovation
  • Stefano Micelli – Docente di ebusiness presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia
  • Umberto Basso – Managing Director di AKQA
  • Enrico Marchetto – Founder e Social Media Strategist di Noiza
  • Andrea Santin – Chief Operating Officer di Noiza

 

Banca Ifis

 

Wethod dà quindi il via all’evento con una provocazione: gestire un’azienda che lavora a progetti non è così difficile come si vuole far credere ed anzi diventa stimolante e divertente se supportati dai giusti strumenti. Proprio per questo, le aziende moderne dovrebbero fare il primo passo verso una gestione aziendale più coraggiosa e contaminata; un sistema che toglie i bastoni tra le ruote ai singoli per dare la possibilità al gruppo di manifestare tutto il potenziale.

Questo nuovo metodo mira a destabilizzare la convinzione di molti esperti del settore che adottano principi di gestione basati su controllo e micromanagement, evidenziando invece l’aspetto limitante e macchinoso. L’idea è di soppiantare questi modelli con un nuovo approccio fondato sulla fiducia e sulla trasparenza, in cui ogni dipendente può svolgere ruoli diversi grazie alla propria esperienza e dove non esiste una differenziazione tra pianificatori ed esecutori.

L’evento del 22 aprile è rivolto a tutti coloro che vogliono incoraggiare un cambiamento culturale all’interno della propria azienda. Facendo lo sgambetto a preconcetti apparentemente stabili, verranno proposti nuovi strumenti per trovare un assetto versatile al successo di ogni persona e quindi dell’azienda stessa.