Pitti Fragranze a Settembre profuma la Leopolda di Firenze

Pitti Fragranze si sposta anche fuori dalla Leopolda con una serie di incontri speciali della serie “Città delle Fragranze”.

Redazione MondoPMI
0
0
pitti fragranze

Dal 13 al 15 settembre ritorna Pitti Fragranze, l’appuntamento annuale organizzato da Pitti Immagine che porta a Firenze le migliori proposte della profumeria artistica internazionale.

A fare da palcoscenico all’evento la Stazione Leopolda, uno spazio speciale accuratamente selezionato per fare da sfondo ad una delle manifestazioni più attese del settore.

Non solo profumi a Pitti Fragranze, che mette in mostra anche prodotti per la bellezza e il benessere della persona, da poco usciti sul mercato o ancora inediti, di 150 tra le maison e i brand più qualificati, e tra i nuovi talenti del panorama mondiale.

 

Banca IFIS Impresa

 

PITTI FRAGRANZE: IL SALONE INTERNAZIONALE SULLA CULTURA OLFATTIVA

Tre giorni dedicati ai nomi di punta del settore della profumeria e del beauty, ma anche di approfondimento e confronto sulle prossime tendenze e sul legame tra fragranze e lifestyle.

“Pitti Fragranze è sempre di più il luogo per eccellenza dove scoprire le novità della profumeria artistica internazionale e le sue esperienze più avanzate – racconta Agostino Poletto, direttore generale di Pitti Immagine – dai nomi di riferimento del settore ai brand emergenti, che si danno appuntamento a Firenze assieme alla comunità internazionale dei protagonisti dell’high beauty e della sua dimensione più lifestyle. Questa edizione riconferma i suoi punti fermi: grande selezione e attenzione alla qualità dei prodotti, accanto a uno scouting internazionale di alto profilo. E poi c’è il programma eventi sulla cultura olfattiva contemporanea, sempre più ricco e sfaccettato, a rendere Pitti Fragranze un osservatorio davvero unico.

Dallo special guest di questa edizione, un maestro indiscusso come Jean-Claude Ellena, di cui presentiamo la prima grande retrospettiva, fino al calendario dei Fragranze Talks, con un focus sulla dimensione più avanzata del retail in profumeria – dalla formazione dello staff al design degli spazi fisici e virtuali – sullo skincare e tanto altro ancora.”

Sono due le principali aree espositive dell’evento: la prima, Fragranze, dedicata ai grandi brand dei settori della profumeria e del beauty, e la seconda, denominata Spring, riservata ai nomi nuovi e alle linee di prodotti da poco lanciate sul mercato selezionati da Pitti Immagine per intercettare l’esigenza di novità dei buyer più attenti alla ricerca.

LE INIZIATIVE ORGANIZZATE DA PITTI FRAGRANZE

Il programma di appuntamenti che scandiscono la manifestazione è denso e vario. Tra le proposte, momenti di condivisione dei dati di settore raccolti dall’osservatorio di Pitti Immagine, conversazioni aperte su temi legati al comportamento di acquisto del consumatore, alle preferenze della clientela e ai nuovi trend di mercato, workshop di formazione e spazi di svago come il cocktail riservato agli operatori di settore.

Pitti Fragranze si sposta anche fuori dalla Leopolda con una serie di incontri speciali della serie “Città delle Fragranze”: a Palazzo Pitti, il 14 settembre, all’interno della mostra Romanzo breve di moda maschile, verrà allestito un percorso chiamato Punteggiatura olfattiva, curato da Caterina Chiarelli e Simonella Condemi, e guidato da Elisabetta Invernici: un viaggio tra opere d’arte, creazioni fashion e profumi che hanno segnato gli ultimi 3° anni della moda maschile.

Altra interessante iniziativa è quella proposta dalla Rinascente di Firenze, che presenterà il progetto The art of Fragrance: una selezione d’eccellenza di fragranze di culto Made in Italy.

PITTI FRAGRANZE GUARDA AL MONDO DELL’E-COMMERCE

La novità della 17esima edizione si chiama Digital Talk. È la presentazione di Ivano Cauli e Julia Sokolova, esperti in digital transformation di Openmind, che affronterà il tema della user experience: da come si è evoluta la figura del beauty shopper, fino al ruolo del digital come supporto nella vendita dei profumi e nel miglioramento della customer experience negli store.

L’OSSERVATORIO ECONOMICO DI PITTI FRAGRANZE

In occasione di Pitti Fragranze verranno presentati anche i risultati raccolti dall’Osservatorio Economico sul mercato della profumeria artistica e di ricerca, promosso da Pitti Immagine e condotto da Marco Rachetti.

Nell’ambito della scorsa edizione della fiera, è stata misurata per la prima volta in modo sistematico la portata del settore della profumeria in Europa, e i dati risultanti sono apparsi più che positivi: oltre 600 milioni di euro di fatturato, per un valore di quasi 1,3 miliardi di euro tradotti in prezzi al consumo.

Quest’anno la ricerca si focalizzerà, invece, su due aspetti cruciali per l’evoluzione del comparto nei prossimi anni: la sostenibilità economica dei modelli di settore, con un’analisi dei risultati economici e finanziari di un campione significativo di marchi italiani ed europei, e il sistema distributivo della profumeria artistica e di ricerca con le sue prospettive future. L’analisi si concentrerà sull’evoluzione del sistema distributivo in Italia che, rispetto agli altri Paesi europei, si caratterizza per la presenza di un numero elevato di negozi indipendenti di profumeria.

La condivisione dei risultati di queste ricerche rappresenterà un’occasione importante di riflessione e discussione sul futuro e sulle strategie per il comparto.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock