Fattore I intervista GESTLABS, che ha fatto dei difetti il proprio business

“Man makes a difference: il capitale umano è fondamentale nell’attività dell’azienda. La strumentazione e le capability servono a poco se non ci sono persone in grado di usarle al meglio e che sappiano interfacciarsi con i clienti”.

Redazione MondoPMI
0
0
Gestlabs

Fattore I è il progetto di Banca IFIS Impresa dedicato alle piccole e medie imprese italiane.

L’obiettivo? Trovare delle risposte a quesiti del tipo: quali sono le PMI che crescono nel mercato? Quali sfide devono affrontare? Ma soprattutto, qual è il “fattore” che determina il successo di un’impresa?

Per farlo, Fattore I parte dai dati, quelli raccolti direttamente all’interno delle realtà imprenditoriali. Nel blog di MondoPMI, le interviste di alcuni degli imprenditori, alla guida di aziende vincenti, coinvolti nel progetto.

 

Il cliente per noi è il vero asset dell’azienda” sostiene Ettore Agostoni, Amministratore unico di GESTLABS. La sua azienda ha fatto della professionalità e della cura dei dettagli un vero e proprio business, perché quando si parla di test di qualità in ambito elettronico il punto d’arrivo è oltremodo ambizioso: un prodotto a “difetti zero”.

Banca Ifis

 

GESTLABS in questi anni ha raccolto molti successi. Abbiamo dunque voluto indagare quest’impresa proprio attraverso le parole di chi l’ha resa ciò che è oggi.

 

Come nasce la storia di GESTLABS e quali sono le soluzioni che offre?

GESTLABS nasce negli stabilimenti IBM di Vimercate negli anni ’70 da laboratori di analisi e certificazione specializzati nella identificazione delle cause di difettosità di prodotti elettronici. Diventata legal entity nel 2011 è cresciuta sul mercato a seguito dell’acquisizione nel mese di Giugno 2015 da parte della famiglia Agostoni: prima grazie al passaparola, poi grazie ad un’attività commerciale sempre più intensa focalizzata sulla ricerca di nuovi clienti, nuove opportunità, nuove soluzioni ad alto valore aggiunto per il cliente finale.  L’azienda aiuta i propri clienti ad aumentare la qualità dei propri prodotti e a ridurre i tempi di individuazione dei difetti, attraverso lo sviluppo i piani di validazione in fase di progettazione e la definizione di test e analisi di laboratorio. L’obiettivo è ambizioso: portare i difetti a zero.

 

Quali sono i punti di forza dell’azienda?

GESTLABS è un’azienda che ha una grande professionalità, fatta di personale molto preparato e con esperienza. Un secondo punto di forza è la strumentazione: l’azienda ha in dotazione un macchinario X Ray 3D con tomografia e una serie di altri strumenti per valore complessivo di diversi milioni di euro. Queste attrezzature ci permettono di servire i clienti in maniera completa: là dove essi non possono testare in autonomia i manufatti prodotti interveniamo noi, soprattutto quando si trovano a dover effettuare test complessi. A partire dal mese di Aprile 2019, GESTLABS, ha rafforzato maggiormente il rapporto di partnership che da anni la lega al consorzio internazionale IPC (Association Connecting Electronics Industries), aprendo un nuovo “Certified Training Center”, ubicato presso la propria sede di Vimercate. Il nuovo Centro, è stato pensato e voluto al fine di ampliare l’offerta di formazione sul territorio italiano, per servire una domanda in continua crescita.

 

Gestlabs 1

gestlabs: la relazione con i clienti e con il personale

Di quali settori fanno parte i clienti di GESTLABS e in che modo viene curata la relazione con loro?

Il cliente per noi è il vero asset dell’azienda: cerchiamo di creare delle vere e proprie partnership, anche in modo proattivo. I settori di riferimento sono quelli (Magneti Marelli, Hanon Systems, Bitron, Continental, Pirelli), dell’industria del bianco (Ariston, Whirpool, Candy/IRCA, Riello, Lavazza), il mondo del power automation industrial heating (ABB, , Gefran, Gewiss, Metersit), dell’electronic solution (IBM, Celestica, , Jabil) e del medicale (Artsana, Cefla, Flextronics). Infine, abbiamo clienti anche nel settore aerospace (Leonardo e CIRA).

 

Cosa significa per GESTLABS fare impresa oggi?

Vuol dire innanzitutto stare vicini ai clienti, servirli al meglio, crescere e reinvestire i nostri guadagni in ciò che serve: strumentazione, miglioramento continuo dei processi interni e formazione del personale.

 

Quanto è importante il capitale umano in azienda?

Man makes a difference: il capitale umano è fondamentale nell’attività dell’azienda. La strumentazione e le capability servono a poco se non ci sono persone in grado di usarle al meglio e che sappiano interfacciarsi con i clienti. Dietro i numeri c’è studio, esperienza e capacità. Il personale è tutto per GESTLABS: i lavoratori vengono formati internamente e seguono costantemente corsi per ottenere certificazioni specifiche. Si lavora in team per favorire la collaborazione continua, lo scambio e la crescita, sia con l’interno che con l’esterno.

innovazione e sostenibilità tra gli obiettivi di gestlabs

Si sente parlare molto di green economy e sviluppo sostenibile: in che modo questo tema può coinvolgere un ambito come quello di GESTLABS?

Diamo supporto ai clienti che operano in questo mondo: dall’automotive, che si sta muovendo sempre più verso la mobilità elettrica e la guida assistita, alle aziende che sviluppano apparecchiature dedicate all’ecosostenibilità come il fotovoltaico.

Dal canto nostro, tra pochi mesi cambieremo sede. Il nuovo edificio è stato pensato con grande attenzione al risparmio energetico: prevede un impianto fotovoltaico e l’utilizzo di una pompa di calore, riducendo quindi l’utilizzo di watt per metro quadro e cercando di raggiungere i migliori parametri di mercato. Inoltre, è tra i nostri obiettivi quello di diventare un’azienda plastic-free.

 

Innovazione: come si declina questo concetto nella mission di un’impresa come GESTLABS?

La capacità di innovare si concretizza nel momento in cui i clienti ci sottopongono progetti di ricerca per nuovi prodotti o per la validazione di materiali e tecnologie. Innovare per noi vuol dire studiare nuove soluzioni mettendo in gioco le nostre capacità e l’esperienza pregressa, progettando insieme ai clienti.

 

Gestlabs 2

 

Quali prospettive future ci sono per GESTLABS e in generale per il settore elettronico?

Ci sono prospettive interessanti nel mondo dell’elettronica e dell’automotive. Il secondo settore sta vivendo una congiuntura positiva, sviluppando tecnologie innovative nell’ambito della guida assistita e della mobilità elettrica. Ci sono quindi moltissime opportunità da cogliere.

 

Per quanto riguarda l’elettronica, un ambito interessante di sviluppo è quello dell’Internet of Things: l’IoT coinvolge tutto il mondo in cui viviamo, dall’industria del bianco all’industria elettronica. L’obiettivo è quello di collegare il più possibile e mettere in rete gli oggetti: per farlo servono nuove apparecchiature elettroniche, nuovi studi e una produzione “difetti zero”. Per i prossimi dieci anni ritengo dunque ci saranno degli sviluppi interessanti per tutti coloro che operano in questo settore. A noi la capacità di cogliere le opportunità, di stare sul mercato e di poter crescere. Abbiamo in programma anche una crescita all’estero, soprattutto verso l’Est Europa. Per GESTLABS vedo quindi un futuro che poggerà su due pilastri: l’assistenza dei clienti nel loro percorso di innovazione e la nostra progressiva internazionalizzazione.