A Lodi il leader italiano nella produzione di software e hardware per aziende

Studio Baldassi
0
0

La città di Lodi ha una storia lunga e complessa. Fondata nel 1158 da Federico Barbarossa, ha vissuto, oltre che i grandi cambiamenti della storia (essendone anche tra i protagonisti con la Pace di Lodi del 1454), anche i maggiori mutamenti dell’economia e dell’industria.

Sin dal Medioevo, agricoltura e allevamento sono state fondamentali per questo territorio, oggi dominato dalla produzione di mais (ben il 47% della superficie agricola utile della provincia) e di foraggi. Anche l’industria, tra il 1860 e i primi anni ‘30 del Novecento, ha inseguito il successo del settore primario, con numerosi stabilimenti dedicati alla trasformazione dei prodotti della terra.

Attualmente il settore primario resiste ancora grazie alla produzione del Grana Padano, affiancato alle floride industrie della ceramica e della cosmesi. Ma Lodi, tanto legata alla terra e alla tradizione, ha saputo sfornare anche un’eccellenza del terziario, con la rinomata Zucchetti, tra i leader del mercato italiano nella produzione di software e hardware per le aziende, una mosca bianca nel panorama informatico dominato dalle multinazionali del settore. L’azienda impiega quasi 2000 dipendenti di cui 900 solo a Lodi.  Anche questa realtà nasce in qualche modo dalla tradizione, punto forte della città: nel 1978 l’omonimo studio commercialista realizza il primo programma in Italia per l’elaborazione in automatica delle dichiarazioni dei redditi. I successi di Zucchetti da quel momento in poi sono numerosi, fino ad arrivare al 2011 quando l’azienda viene premiata per HR Safety, una soluzione per la gestione globale di tutti gli aspetti relativi alla sicurezza di ambienti e persone sul lavoro. L’azienda ha ormai sedi in tutta Italia e nel mondo (U.S.A., Brasile, Romania) ma il cuore pulsante resta nella campagna di Lodi, ancorato alle proprie radici, forte di uno spirito che trae dalla terra la sua forza.

Viene da chiedersi se oggigiorno sia ancora possibile far nascere una nuova Zucchetti quando l’innovazione in Italia non viene premiata e stimolata con un adeguato finanziamento alle imprese.