Agricoltura: crescono i giovani occupati e le imprese on line

Uomini ma anche molte donne credono nel settore primario.

Redazione MondoPMI
0
0
agricoltura-internet

Agricoltura e internet, ad un primo impatto, potrebbero sembrare due cose posizionate ai poli opposti. Da una parte la semplicità e la tradizione, dall’altra il futuro e l’innovazione. Negli ultimi anni, però, ha preso sempre più piede la nuova sfida che vede le attività primarie protagoniste della comunicazione sul web.

Dall’analisi “Lavoro giovanile in agricoltura nel 2016”, svolta da Coldiretti su dati Istat relativi al primo trimestre del 2016, emerge che il 61% delle aziende agricole utilizza quotidianamente Internet per le proprie attività.

Nello stesso periodo, poi, sono aumentati del 12% gli under 35 che hanno scelto di lavorare in agricoltura. Si tratta, secondo la Coldiretti, di “una nuova generazione di contadini, allevatori, pescatori e pastori che costituiscono uno dei principali vettori di crescita del settore agroalimentare italiano grazie ad una capillare e rapida acquisizione di processi innovativi che spingono l’occupazione.”

“L’occupazione è trasversale tra i sessi”

La crescita del numero di lavoratori agricoli tra i giovani riguarda sia gli occupati dipendenti, sia quelli indipendenti, cioè imprenditori, coadiuvanti famigliari e socia di cooperative. Nel primo caso, la crescita arriva al 15%, mentre nel secondo si attesta al 9%. L’incremento è notevole anche se si analizza il genere degli addetti: crescono del 16% i ragazzi e del 5% le ragazze. Secondo Coldiretti, questo sta “a testimoniare che l’appeal del settore agricolo tra i giovani è ormai trasversale ai generi”.

Arriva il progetto “crescere in digitale”

La riscoperta dell’agricoltura da parte dei giovani, unita alle potenzialità del web e alle possibili applicazioni nel settore primario, creano un contesto molto fertile in cui possono svilupparsi iniziative interessanti volti a promuovere l’agroalimentare tramite le nuove tecnologie. È il caso, ad esempio, del progetto “Crescere in Digitale”, nato da un accordo tra Coldiretti, Ministero del Lavoro e Google.

Il progetto, infatti, prevede la formazione e l’inserimento di 100 giovani “Agriweb Advisor” nelle strutture di Coldiretti su tutto il territorio nazionale, allo scopo di promuovere i siti internet delle aziende agricole, sviluppare e-commerce aziendali e migliorare la comunicazione delle imprese agricole anche tramite l’uso dei social media.

Le nuove tecnologie, grazie anche all’apporto dei giovani, puntano a diventare sempre di più uno strumento indispensabile per promuovere le enormi prospettive dell’agricoltura, con l’obiettivo di raccontare in maniera innovativa il settore più tradizione che ci sia. E c’è da credere che possa esserci di che divertirsi!

Image Credit: shutterstock