Al via il riconoscimento IGP per la Patata Rossa di Colfiorito

Redazione MondoPMI
0
0

La patata rossa di Colfiorito si avvicina a grandi passi al riconoscimento dell’Igp (Indicazione Geografica Protetta).

La patata di Colfiorito è uno dei più famosi prodotti tipici dell’Umbria. Questa varietà viene coltivata nel territorio circostante la piccola cittadina posta a ridosso dell’Appennino umbro-marchigiano (si tratta di una frazione del Comune di Foligno). Appartiene alla varietà olandese Désiré. Tale tubero è riuscito ad ambientarsi perfettamente nel montuoso Altopiano di Colfiorito in quanto predilige le zone piovose, i terreni sabbiosi e le temperature basse; ha inoltre un’ottima resistenza ai parassiti e alle malattie.

Questo prodotto umbro si caratterizza per la particolare forma allungata ed ovoidale, ma soprattutto per la peculiare buccia rossa e per la polpa giallo chiaro.

È scattata la protezione a titolo transitorio per il tubero coltivato nella montagna folignate. Tale provvedimento transitorio è stato promosso dal ministero delle Politiche Agricole con decreto firmato dal direttore generale per la promozione della qualità agroalimentare.

In Gazzetta ufficiale si può leggere il disciplinare di produzione che indica, come previsto dalla normativa, caratteristiche e modalità di coltivazione della patata rossa di Colfiorito da parte delle PMI agricole comprese nel territorio identificato dal disciplinare stesso.

Si attende quindi solo l’annuncio formale e ufficiale che porta tale prodotto ai vertici della qualità riconosciuta. Tutti gli abitanti dell’Umbria aspettano con ansia e orgoglio tale riconoscimento.