Andamento delle imprese artigiane nel 2018: i dati di Confartigianato

Si prospetta una crescita dello 0,2% per il settore dell’artigianato, che nel 2018 ha subìto un’importante flessione.

Redazione MondoPMI
0
0
Trend artigianato 2018

Le imprese artigiane rappresentano i pilastri dell’economia italiana che, da sempre, è alimentata dall’export dei prodotti Made in Italy in tutto il mondo. Sebbene i nostri prodotti manifatturieri siano ricercati e ambiti anche all’estero, in quanto ritenuti sinonimo di raffinatezza, qualità e attenzione ai dettagli, nel 2018 il settore dell’artigianato ha subìto un’importante flessione che sembra trascinare i suoi effetti anche nell’anno corrente.

Lo confermano i dati raccolti da Confartigianato che, nel suo sito, ha ufficializzato i dati raccolti l’anno scorso relativamente all’andamento delle industrie artigiane in Italia e in Europa, e ha emesso le stime per il 2019.

Il bilancio di fine anno conta più di 1,3 milioni di imprese artigiane registrate, delle quali, nel 2018:

  • 80 mila sono state iscritte nel registro delle imprese (tasso di iscrizione del 6%);
  • 93 mila hanno cessato l’attività (tasso di cessazione del 7%).

I DATI RELATIVI ALLE SINGOLE REGIONI

La crisi di settore ha abbracciato un po’ tutte le regioni italiane a partire da Umbria, Sicilia, Abruzzo e Basilicata che, in quanto a crescita, registrano le cadute maggiori:

  • Basilicata -1,9%
  • Sicilia e Abruzzo -1,7%
  • Umbria -1,6%
  • Veneto, Calabria e Marche -1,3%
  • Valle d’Aosta -1,2%
  • Piemonte -1,1%

Nella media nazionale, invece, Toscana, Molise e Campania, con tasso di crescita pari a -1%. Stanno sotto il punto percentuale, invece:

  • Sardegna ed Emilia-Romagna -0,9%
  • Friuli Venezia-Giulia, Puglia, Lazio e Lombardia -0,8%
  • Liguria -0,6%

Unico a registrare un aumento è il Trentino-Alto Adige con lo 0,2%. A livello provinciale, invece, solo tre città presentano una dinamica non negativa nel 2018: Bolzano con lo 0,6% e Imperia con lo 0,5%.

Le previsioni di crescita per l’artigianato italiano, secondo la Commissione europea, sono moderate e oscillano attorno allo 0,2%.

RIPARTIRE DALLA MOSTRA DELL’ARTIGIANATO 2019

Restando in tema di artigianato, è ormai prossima l’83° edizione della mostra internazionale dedicata a questo settore. La manifestazione, che si svolgerà nella Fortezza da Basso a Firenze, dal 24 aprile all’1 maggio, ospiterà aziende manifatturiere nazionali e internazionali, organizzate per aree di competenza. L’obiettivo è quello di valorizzare le abilità e le conoscenze degli artigiani del territorio e promuoverle su scala internazionale.

Uno spazio, intitolato “Nuovissimi” è dedicato esclusivamente ai giovani ed è incentrato sull’artigianato digitale, una presenza inedita fino a quest’anno.
Nella sezione “Manufatti per tutti” alcuni artigiani mettono in mostra i propri saperi effettuando lavorazioni dal vivo.

Il fine della Mostra è promuovere un consumo più attento alla qualità e alla sostenibilità, che contribuisca alla creazione di una nuova idea di crescita e di lavoro che rimette al centro dell’attenzione l’uomo: sia in quanto artigiano, che impiega la propria creatività e il proprio estro nella realizzazione di prodotti unici e originali, sia in quanto consumatore, che richiede prodotti “su misura”, costruiti per rispondere alle sue esigenze.