Belluno: segnali positivi dall’export

Redazione MondoPMI
0
0

Buone notizie giungono dall’export bellunese: Confindustria Belluno Dolomiti, sulla base dei rapporti Istat dell’anno scorso, conferma una crescita ulteriore che permette alla provincia di raggiungere il sesto posto tra 110 province italiane.

Un segnale positivo secondo Gian Domenico Cappellaro, presidente di Confindustria Belluno, che afferma che diversi imprenditori stanno rivolgendo il proprio interesse verso i mercati esteri per fronteggiare la crisi del mercato interno.

Il fenomeno è confermato anche dai dati relativi alla propensione all’export ,attestatasi al 52,6%, in aumento rispetto ai dati dell’anno 2012, dato che risulta più alto rispetto anche alla media veneta e nazionale.

I numeri riguardanti il primo trimestre del 2014 confermano inoltre l’aumento dell’export, che guadagna dieci punti in confronto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Il presidente Cappellaro aggiunge anche che il Made in Italy risulta un essere un chiaro elemento di attrattività, e che molte imprese hanno spostato il loro interesse verso produzioni di alta gamma proprio perché gli stranieri si mostrano disposti ad acquistare ad un prezzo medio più alto. In questo modo, anche se si esportano meno prodotti, non si perde terreno sui mercati internazionali.

I settori interessati dall’aumento del 2013 riguardano l’occhialeria, prodotti in gomme e plastica e l’abbigliamento.

Si tratta di produttori che secondo Cappellaro nonostante la penalizzante situazione economica interna, si preparano a penetrare i mercati dei Paesi emergenti.