Cambia il turismo a Pisa: i visitatori ci sono, ma non pernottano in città

Redazione MondoPMI
0
0

Pisa, con la sua torre pendente, è conosciuta in tutto il mondo come una delle principali mete turistiche italiane, eppure il turismo nella cittadina toscana soffre, paradossalmente, della fama della sua piazza più famosa e della vicinanza con molti altri centri di richiamo, come Firenze. Gran parte del turismo a Pisa, infatti, gravita intorno al complesso romanico di Piazza del Duomo, e se il Museo dell’Opera del Duomo è uno dei più visitati in Italia, gli altri musei della città sono semi sconosciuti.

Pisa, purtroppo o per fortuna, è vicinissima a molti altri centri di grande richiamo turistico, primo fra tutti Firenze, per cui spesso i turisti che arrivano in città si fermano soltanto in giornata per poi tornare nel capoluogo toscano o per riprendere il loro percorso itinerante lungo le bellezze della regione di Dante. In città, comunque, i turisti vengono accolti da strutture ricettive per tutte le esigenze: dai bed and breakfast agli affittacamere, dagli hotel agli agriturismi appena fuori città, per un turismo adatto a tutti i gusti e a tutte le tasche.

L’economia pisana punta moltissimo sul turismo, visto che buona parte della ricchezza locale viene prodotta proprio dalle Piccole Medie Imprese che lavorano con i turisti, come le strutture ricettive, i ristoranti, i bar, i negozi e tutto quello che può essere collegato all’indotto turistico.

Negli ultimi anni la città ha dato il via ad una rivalutazione del suo centro storico e ad un assetto urbanistico più moderno e accogliente, sia per il turista che per il cittadino, che tende alla riqualificazione di aree meno conosciute come i lungarni, al fine di ampliare la sua offerta per chi vive la città o per chi la viene a visitare. Questi interventi sono stati e saranno possibili grazie all’arrivo di finanziamenti alle aziende stanziati dall’Unione Europea, dalla Regione Toscana, dal Comune e dalla Provincia di Pisa.

Anche la Camera di Commercio ha dato il via ad una serie di interventi economici volti a sostenere iniziative che puntino alla valorizzazione delle produzioni tipiche, delle risorse naturali ed ambientali locali e alla valorizzare del territorio attraverso la cultura, la storia e le tradizioni al fine di ridare nuovo slancio ad un settore economico, come quello turistico, che in questo periodo deve fare i conti con la diminuzione dei flussi turistici e, soprattutto, dei pernottamenti in città.