Cibi salutari: in crescita il consumo nel settore

Le vendite nella sfera dell’agroalimentare in aumento

Redazione MondoPMI
0
0

I cibi salutari rappresenta sempre più un’attrattiva per i consumatori italiani, e segna trend di consumo di cui le PMI agroalimentari e tutto il settore del retail devono tenere conto. le diciture cone “healty food”, “superfood” “cibo terapeutico”, al di là della reale valenza scientifica, compaiono sempre più spesso sugli scaffali e sulle tavole del bel paese, costruendo elementi di differenziazione dell’offerta ormai imprescindibili per il mercato.

Secondo il Rapporto Coop 2017 gli italiani sono sempre più attratti da cibi salutari e prodotti per il benessere personale per cui spendono ben 10miliardi di euro all’anno. Il cibo come terapia ed elisir di lunga vita vede ben il 46% degli italiani sfruttare l’healthy food per prevenire e trattare i malesseri più comuni. Per un intervistato su tre la loro assunzione è una valida alternativa alle medicine tradizionali. Mentre per più di un italiano su tre, una dieta alimentare studiata ad hoc dal nutrizionista è la soluzione migliore per condurre una vita sana. I cosiddetti cibi salutari corrispondono ormai al 10% dei consumi alimentari del mercato italiano.

Gli italiani, sempre più attenti quindi nei consumi in termini quantitativi, non mancano tuttavia di concedersi qualità e piccoli lussi.

Si può dedurre dai dati riportati che i consumi si stanno riprendendo, poiché per la crescita della spesa per la fine dell’anno si prevede un dato corrispondente all’1,2% in più.

TiAnticipo_Chaplin_banner_728x90

Quali sono i cibi salutari di maggior consumo per gli italiani?

Biologico e senza glutine continuano ad essere i più ricercati dai consumatori che si dimostrano più attenti rispetto al passato. Nel primo semestre di quest’anno il bio segnava un aumento del 16,1% mentre il senza glutine del 16%. In crescita l’acquisto anche di cibi integrali, di bevande vegetali e di prodotti senza lattosio.

Per quanto riguarda invece i cibi nello specifico si hanno:

  • Avocado e zenzero al primo posto
  • Olio di lino al secondo posto
  • Semi di zucca al terzo
  • Seguiti poi da quinoa, curcuma, goji, semi di chia e farro.

Come crescono le percentuali di consumo dei cibi tradizionali?

Il latte uhm vede una diminuzione del 4,6% rispetto a quello ad alta digeribilità con un +174,4%. Le uova di gallina allevate a terra registrano un +15% rispetto a quelle in batteria (-8,2%).

Anche il “senza olio di palma” osserva un +13,5% rispetto all’anno precedente.

La crescente attenzione posta sulla sfera dei prodotti “sani e salutari” continua ad attrarre quindi un numero crescente di consumatori all’estero ma anche all’interno dei confini nazionali.

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock