Cinque Terre: il turismo alternativo che dura tutto l’anno

Redazione MondoPMI
0
0

Le Cinque Terre sono una zona della Liguria che si estende per 18 chilometri lungo le coste spezzine. Si tratta di un territorio in cui mare e terra si incontrano dando origine ad un’area particolarissima e molto suggestiva, formata da rocce che si tuffano nel mare cristallino e da cinque borghi arroccati sulle montagne a picco sul mare. In questo tratto di costa ligure la roccia si alterna ai famosi terrazzamenti liguri, per consentire la coltivazione di vite ed olio.

L’intera zona fa parte del Parco Nazionale delle Cinque Terre, costituito nel 1999 per tutelare il paesaggio locale e l’Area Marina Protetta che si trova nelle acque che bagnano i borghi di Monterosso al Mare, Vernazza, Corniglia, Manarola e Riomaggiore. La particolarità che rende questo parco completamente diverso da qualsiasi altro in Italia è costituita dal fatto che la sua tutela è valida non soltanto per la flora e per la fauna del territorio, ma anche gli interventi umani sul paesaggio che hanno contribuito a darne la forma che conosciamo oggi, come i terrazzamenti e i muretti a secco.

Grazie alle temperature miti ella zona, anche durante l’inverno, le Cinque Terre possono contare su un clima particolarmente mite, che anche durante l’inverno si aggira intorno ai 9 gradi di minima. Questo consente di  mantenere i flussi turistici buoni anche durante il periodo invernale. Il turismo nelle Cinque Terre si manifesta in forme molto varie che vanno dal classico turismo balneare a forme di turismo legate alla cultura locale e alla possibilità di praticare sport come la pesca subacquea, il trekking, la mountain bike in un territorio abbondante di ricchezze naturali. Molto sviluppato è anche il turismo enogastronomico, in virtù delle produzioni tipiche come l’olio di oliva, i limoni e il vino. Dal punto di vista enologico, infatti, la Cinque Terre producono vini molto rinomati come il Bianco Cinque Terre e lo sciachetrà, un vino passito ottenuto dalla fermentazione di uve lasciate asciugare su tralicci e simbolo commerciale di queste terre, unico e prodotto solamente in questo territorio.

Il turismo nelle Cinque Terre è promosso anche tramite il Consorzio Turistico Cinque Terre, costituito nel 1996 per tutelare e migliorare l’immagine del territorio e la qualità dei servizi di ospitalità attraverso la realizzazione del marchio “Cinque Terre”, già registrato e depositato, a garanzia della tipicità del prodotto turistico offerto.