Dalle cucine ai caravan: il distretto del mobile di Poggibonsi

Redazione MondoPMI
0
0

Poggibonsi è una cittadina dell’Alta Valdelsa al confine della provincia di Siena con quella di Firenze, ed è un centro economico dei più rilevanti nella provincia senese. Oggi capoluogo di un rilevante distretto del mobile, già dal Medioevo era uno svincolo commerciale di notevole importanza. La produzione di mobili in questa zona è esplosa nella seconda metà del novecento, diventando un distretto all’avanguardia nella lavorazione del legno.

Poggibonsi e il territorio limitrofo, inoltre, detiene il 90% della produzione nazionale di caravan e questo indotto coinvolge anche l’economia del mobile, riconvertita ad elementi per gli interni ed accessori.

Il punto di forza del distretto è la produzione di cucine, mobili e complementi per l’arredamento con alcune realtà che hanno fatto del design il loro marchio di successo.

Il distretto del mobile di Poggibonsi si avvale dei servizi del Centro sperimentale del mobile e dell’arredamento, unica realtà in Toscana che ha recentemente permesso al settore del mobile di sbarcare in Cina, dopo aver creato mercati in Europa e Medio Oriente. Il Centro sperimentale del mobile (CSM) e dell’arredamento è una società consortile tra aziende del settore costituita nel 1982 per fornire all’imprenditoria un supporto in termini di ricerca, promozione e formazione professionale. Recentemente si sono costituiti inoltre il Tuscany Woodworking Technologies, consorzio export che si occupa della promozione delle aziende toscane di macchine per la lavorazione del legno, e il Consorzio casa Toscana per l’innovazione nel settore del legno, mobile e arredamento.

Nonostante queste importanti attività volte alla crescita del distretto sui mercati esteri, l’export nel distretto del mobile di Poggibonsi è attualmente in calo. Saranno necessari interventi precisi per invertire questa tendenza e riportare il mobile toscano tra i settori merceologici più redditizi della regione.